COREA DEL NORD. Ecco perché la squadra di Kim non partecipa alle Olimpiadi

210

La Corea del Nord ha deciso di non partecipare ai prossimi Giochi Olimpici Invernali di Pechino solo 10 giorni prima di informare l’organizzazione cinese.

Secondo Daily NK, la leadership del paese ha apparentemente dibattuto della partecipazione fino all’inizio della recente riunione plenaria del Comitato Centrale. Secondo Daily NK, le autorità nordcoreane hanno preso la decisione finale di non partecipare ai giochi di Pechino il mese scorso.

Fino a poco tempo fa, Pyongyang aveva scelto gli atleti e il personale da inviare a Pechino, e avevano anche effettuato l’allenamento preagonistico. Alla fine hanno deciso di non partecipare alle Olimpiadi, apparentemente per la preoccupazione del crescente numero di casi di Covid-19 in Cina e la diffusione internazionale della variante Omicron.

Inoltre, con il paese che sottolinea l’emergenza della quarantena come la sua massima priorità, le autorità nordcoreane hanno apparentemente sentito che sarebbe stato inappropriato partecipare a un evento internazionale. Inoltre, hanno considerato il fatto che gli atleti del paese non sono vaccinati. Il fatto che le autorità nordcoreane abbiano comunque dibattuto la decisione fino all’ultimo minuto è legato alla forte relazione tra Cina e Corea del Nord.

Secondo la fonte, le autorità nordcoreane temevano che una mancata partecipazione ai Giochi Olimpici potesse rovinare i legami con Pechino e compromettere l’assistenza economica. Il ministero delle Relazioni economiche esterne e il ministero degli Esteri hanno espresso la necessità di partecipare alle Olimpiadi, indicando la potenziale pressione economica e politica della Cina dopo i giochi. Tuttavia, il Comitato Centrale ha deciso alla fine di non partecipare, alla luce delle preoccupazioni sulla quarantena.

Il Comitato Centrale ha anche espresso la necessità che i leader si facciano avanti per risolvere qualsiasi problema politico ed economico con la Cina che potrebbe sorgere a causa della decisione di Pyongyang di non partecipare ai giochi.

Tuttavia, poiché gli Stati Uniti hanno già dichiarato un “boicottaggio diplomatico” delle Olimpiadi di Pechino, la Corea del Nord non ha considerato l’invio di quadri di alto rango o l’utilizzo dei giochi come palcoscenico diplomatico. Vale a dire, perché la Corea del Nord vede gli Stati Uniti come il suo principale partner negoziale, Pyongyang probabilmente ha deciso di non inviare quadri di alto livello all’inizio di dicembre, quando Washington ha ufficializzato il suo “boicottaggio diplomatico” dei giochi invernali.

In una lettera inviata al comitato organizzativo olimpico della Cina e il corpo di atletica dello stato il 5 gennaio, le autorità nordcoreane hanno detto che il loro paese non poteva partecipare ai giochi a causa di “schemi da forze ostili” e la pandemia globale, ma hanno sostenuto pienamente gli sforzi della Cina per avere successo nei giochi olimpici.

La menzione di “schemi di forze ostili”sembra suggerire che non c’era alcuna ragione politica per la Corea del Nord nel non partecipare alle Olimpiadi. Tutto questo significa essenzialmente che la Corea del Nord ha, fin dall’inizio, fatto calcoli diversi dalla Corea del Sud per quanto riguarda le Olimpiadi. L’amministrazione sudcoreana Moon Jae-in aveva sperato di usare i giochi di Pechino come un’opportunità per riavviare il processo di pace nella penisola coreana, compresa una possibile dichiarazione di fine della guerra di Corea.

Detto questo, le autorità nordcoreane sembrano avere una “visione positiva” verso una dichiarazione di fine della guerra di Corea, qualcosa che è stato a lungo sostenuto dalla Corea del Sud e dagli Stati Uniti.

Luigi Medici