CINA. Tutto ok alla centrale nucleare EDF-CGN di Taishan

94

Gli operatori del reattore di Guangdong che usa una controversa tecnologia europea dicono che l’impianto funziona normalmente nonostante un potenziale problema di sicurezza. Il gruppo energetico francese Électricité de France, Edf, sta indagando su un potenziale problema di sicurezza nella sua centrale nucleare nel sud della Cina, anche se la società ha detto che l’impianto funziona in modo sicuro.

La Cnn, riporta Asia Times, ha riportato la notizia secondo cui il governo degli Stati Uniti ha passato la scorsa settimana a valutare un rapporto su una perdita alla centrale di Taishan, nella provincia di Guangdong, gestita da una joint venture tra Edf e China General Nuclear Power Group, Cgn. Framatome, l’unità di Edf che ha progettato il reattore della centrale e rimane coinvolta nelle sue operazioni, aveva avvertito di una «minaccia radiologica imminente».

Taishan è la prima centrale nucleare al mondo ad utilizzare una tecnologia franco-tedesca che è stata perseguitata da ritardi e sovraccosti per due decenni. Edf ha detto che l’accumulo di krypton e xeno, che ha colpito il circuito primario del reattore n. 1 della centrale di Taishan, è un «fenomeno noto, studiato e previsto nelle procedure operative del reattore».

Il gruppo francese ha detto che ciò potrebbe essere dovuto a un problema con le barre di combustibile e le guarnizioni. Il krypton e lo xeno sono gas inerti e non tendono a reagire con altre sostanze, ma hanno qualità radioattive e sono soggetti a un monitoraggio costante.

Edf ha chiesto una riunione straordinaria del consiglio di amministrazione con Cgn per esaminare i risultati, anche se non è ancora stata fissata una data. Framatome ha detto che stava sostenendo gli sforzi per risolvere la situazione.

In una dichiarazione pubblicata sul suo sito web il 13 giugno, l’impianto Taishan ha detto che i suoi due reattori stavano funzionando normalmente. «Gli indicatori ambientali dell’impianto e i suoi dintorni sono normali», ha detto l’operatore cinese. Taishan, situata a circa 144 km a ovest di Hong Kong, è posseduta al 70% da Cgn, mentre il resto è detenuto da Edf.

Graziella Giangiulio