CINA. Pechino rischia 600 milioni di disoccupati post Pandemia da Covid-19

52

Al di sotto del China Dream oggi ci sono troverete 600 milioni di persone che guadagnano solo mille yuan al mese, ovvero 4,6 dollari al giorno. Non c’è quindi da stupirsi che il premier cinese Li Keqiang abbia messo in evidenza la situazione di questa parte della società nel suo discorso annuale sullo stato dell’organizzazione al Congresso nazionale del popolo la scorsa settimana, riporta Asia Times.

Il suo messaggio è stato obiettivo: «Il nostro reddito annuo pro capite disponibile è di 30.000 yuan, ma 600 milioni di persone hanno un reddito mensile di mille yuan. Non è abbastanza per affittare una stanza in una città di medie dimensioni e noi dobbiamo aiutarli», ha detto Li. Gli ultimi dati hanno rivelato che la forza lavoro si aggirava intorno agli 806 milioni nel 2018 e che il settore più vulnerabile era quello dei lavoratori poco qualificati e scarsamente retribuiti.

La maggior parte di loro è impiegata da piccole e medie imprese in difficoltà, colpite dall’epidemia di coronavirus. L’occupazione nelle Pmi e nelle microimprese è diventata una priorità per mantenere la stabilità sociale. Ha poi detto il premier cinese: «Un grande cambiamento ha avuto luogo nella struttura economica della Cina, dove il consumo è ora il motore principale della crescita. Le micro, piccole e medie imprese forniscono oggi oltre il 90% di tutti i posti di lavoro in Cina».

Un aumento inaspettato dell’attività delle fabbriche nel mese di maggio ha fatto poco per alleviare i problemi della disoccupazione. Il primo giugno, i dati hanno mostrato che l’indice Caixin/Markit Purchasing Managers’ Index era tornato ad espandersi ad aprile, dopo aver raggiunto il 50,7 rispetto alla contrazione del 49,4 di aprile.

Il Pmi tende a includere le Pmi nel mix, a differenza della versione ufficiale. «La stabilizzazione del mercato del lavoro è una priorità assoluta nell’agenda dei politici quest’anno, come mostrato nel rapporto di Li. Aumentare l’occupazione non è un compito facile, in quanto il sottoindice dell’occupazione nel sondaggio Pmidi Caixin è rimasto in contrazione per cinque mesi di fila», riporta Asia Times

«Affrontare la crescente disoccupazione urbana è ora cruciale: i dati ufficiali mostrano che in aprile era del 6% rispetto al 5,9% del mese precedente, ma in calo rispetto al record del 6,2% di febbraio. Tuttavia, le cifre non includono i lavoratori migranti, un altro soggetto notoriamente sensibile ai vertici del partito comunista al potere» prosegue il giornale. La più duramente colpita è stata una forza lavoro di 600 milioni di persone. 

Dall’inizio dell’anno, questo segmento del mercato del lavoro è in difficoltà. In aprile, i dati pubblicati dall’Ufficio Nazionale di Statistica hanno mostrato che i lavoratori migranti rurali che accettano lavori al di fuori delle loro città d’origine sono diminuiti di quasi il 30% fino a 122,5 milioni: il che significa che circa un terzo di loro è disoccupato.

In autunno, si prevede che i principali partner commerciali si troveranno in recessione a seguito delle scosse di assestamento della pandemia di Covid-19. I consumatori cinesi sono ancora preoccupati per la minaccia di una seconda ondata di coronavirus, la sicurezza del lavoro e i timori di tagli salariali.

Maddalena Ingrao