CINA. Pechino invita alla vigilanza per la strana polmonite. OMS tranquillizza

67

La Cina ha invitato alla vigilanza venerdì scorso mentre un’ondata di malattie respiratorie ha colpito scuole e ospedali e l’Organizzazione mondiale della sanità, che ha chiesto al governo dati sulle malattie, ha affermato che non sono stati rilevati agenti patogeni insoliti o nuovi.

La Cina è alle prese con un picco di malattie respiratorie mentre entra nella sua prima stagione invernale completa da quando ha revocato le rigide restrizioni COVID-19 a dicembre, con casi tra i bambini che appaiono particolarmente elevati nelle aree settentrionali come Pechino e la provincia di Liaoning, dove gli ospedali avvertono di lunghe attese. Il Consiglio di Stato ha affermato che l’influenza raggiungerà il picco quest’inverno e primavera e che l’infezione da Mycoplasma pneumoniae continuerà ad essere elevata in alcune aree in futuro. Ha inoltre avvertito del rischio di una ripresa delle infezioni da COVID, riporta Reuters.

“Tutte le località dovrebbero rafforzare la segnalazione delle informazioni sulle malattie infettive per garantire che le informazioni siano riportate in modo tempestivo e accurato”, ha affermato il Consiglio di Stato in una nota.

La situazione è venuta alla ribalta questa settimana quando l’OMS ha chiesto maggiori informazioni alla Cina, citando un rapporto del Programma per il monitoraggio delle malattie emergenti (ProMED) sui cluster di polmonite non diagnosticata nei bambini.

Sia la Cina che l’OMS hanno dovuto affrontare dubbi sulla trasparenza della segnalazione dei primi casi di COVID-19 emersi nella città centrale di Wuhan alla fine del 2019.

Giovedì, l’OMS ha affermato che la Cina ha risposto alla sua richiesta e i dati forniti suggeriscono che i casi erano collegati alla rimozione dei cordoli COVID insieme alla circolazione di agenti patogeni noti come il mycoplasma pneumoniae, una comune infezione batterica che colpisce tipicamente i bambini, che ha circolato da maggio.

Questo mese, le autorità hanno iniziato a emettere avvisi sanitari affermando che stavano prestando attenzione alla situazione e avvertendo il pubblico delle lunghe attese e del rischio di infezioni crociate negli ospedali affollati, ma non hanno imposto misure come quelle adottate durante la pandemia di COVID, come le mascherine. o chiudere le scuole.

Non c’è stata alcuna indicazione di un indebito allarme pubblico. I genitori a Shanghai venerdì hanno affermato di non essere eccessivamente preoccupati per l’ondata di malattie dicendo che, anche se sembrava essere più grave, si aspettavano che passasse presto.

Maddalena Ingrao 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/