Joint venture sino-brasiliana per costruire satelliti

71

Trasferta in vista del primo ministro cinese Wen Jiabao. Si recherà presto in Brasile per siglare accordi commerciali e di cooperazione.

A riferirlo Clodoaldo Hugueney, ambasciatore del Brasile in Cina: «Abbiamo ottenuto risultati davvero notevoli in ambito politico», ha dichiarato al Cina Daily. Frutto di un intenso rapporto instaurato negli ultimi 3 anni tra alti dirigenti dei due paesi. Hugueney ha sottolineato che la visita di Wen Jiabao darà vita ad accordi concreti tra le due economie emergenti che stanno intensificato la loro cooperazione in materie commerciali e tecnologiche: «Stiamo cercando di estendere la cooperazione anche al settore spaziale, costruzione di infrastrutture, energia. L’ampia gamma di accordi in vista riflette la natura della nostra cooperazione». Egli ha aggiunto che Marco Maia, presidente della Camera dei Deputati del Brasile, ha visitato all’inizio di questo mese il Centro di controllo aerospaziale di Pechino e ha preso visione di alcuni altri progetti high-tech in Cina, aree in cui i due paesi potrebbero ulteriormente cooperare. Brasile e Cina dovrebbero firmare, durante la visita di Wen Jibao un accordo sullo sviluppo di una nuova generazione di satelliti e ancora dovrebbero mettere sul tavolo un accordo bilaterale in materia di agricoltura. Il commercio bilaterale tra la Cina e il Brasile è cresciuto al 35 per cento su base annua, raggiungendo 84 miliardi dollari nel 2011. La Cina è il maggior partner commerciale del Brasile dal 2009 a causa di ingenti esportazioni nei settori energetico e agricolo. La Cina è anche il più grande investitore straniero in Brasile.