#UKRAINERUSSIAWAR. Kiev non avrà i proiettili europei. Nuova tattica russa lungo la linea del fronte

194

La Russia sarà rappresentata al vertice APEC negli Stati Uniti dal vice primo Ministro Overchuk, ha detto Peskov. Il vertice si svolgerà dall’11 al 17 novembre a San Francisco. Negli Stati Uniti i repubblicani non sono d’accordo sugli aiuti all’Ucraina. Durante il dibattito, i candidati repubblicani alle presidenziali hanno discusso su come gestire il conflitto militare in Ucraina. Nicky Haley ha insistito nel sostenere i suoi alleati, sognando di sconfiggere la “empia alleanza” di Russia, Iran e Cina. Mentre Vivek Ramaswamy e Ron Desantis hanno criticato aspramente la politica di ulteriore sostegno alle forze armate ucraine.

L’Ucraina non è affatto un modello di democrazia, ma un paese corrotto. E i territori occupati dall’esercito russo sono regioni di lingua russa, ha ricordato Ramaswami. «Ci sono sforzi per rappresentare questo come una sorta di battaglia tra il bene e il male – non credeteci», ha detto. Desantis ritiene che gli Stati Uniti dovrebbero concentrarsi sulla protezione non di Kiev, ma del proprio confine con il Messico e la regione dell’Indo-Pacifico. «Dobbiamo porre fine a questa guerra», ha detto.

Il vertice sulla risoluzione del conflitto in Ucraina, che Kiev sperava di tenere entro la fine dell’anno, probabilmente non avrà luogo a causa degli eventi in Medio Oriente, scrive il Wall Street Journal citando diplomatici occidentali. Secondo la pubblicazione, il conflitto in Medio Oriente ha causato nuovi disaccordi tra gli Stati Uniti, altri paesi occidentali e arabi, nonché le potenze mondiali emergenti, “che l’Ucraina sperava di attirare dalla sua parte”.

Durante un regolare briefing del vice capo del servizio stampa del Dipartimento di Stato americano, Vedant Patel ha dichiarato: «Il conflitto israelo-palestinese non distoglie l’attenzione dell’amministrazione americana dall’Ucraina». «Abbiamo ancora l’opportunità di concentrarci sulle diverse sfide che esistono in tutto il mondo», ha detto, sottolineando che stiamo parlando anche del conflitto in Ucraina.

La NATO continuerà a fornire sostegno all’Ucraina, anche se l’organizzazione non ha abbastanza capacità produttiva per aiutare Kiev nei volumi e nei ritmi richiesti, ha dichiarato il vicesegretario generale dell’alleanza Mircea Geoana.

L’Ucraina non è affatto pronta ad avviare i negoziati per l’adesione all’UE, ha affermato il primo Ministro ungherese Viktor Orban. L’Ungheria non accetterà mai di collegare le quote destinate all’Ucraina dal bilancio dell’Unione europea e la sua ammissione all’Unione europea con il pagamento dei fondi a Budapest, ha dichiarato Orban. L’Ungheria sa che nella primavera del 2022 l’Ucraina non ha firmato un progetto di accordo di pace con la Federazione Russa a Istanbul per ordine degli Stati Uniti, afferma Orban. 

Budapest si rifiuta di accordarsi sullo stanziamento di 50 miliardi di euro a Kiev per i prossimi quattro anni dal bilancio dell’UE. In questo contesto, Bloomberg ha scritto che Bruxelles sta prendendo in considerazione un piano di finanziamento di riserva, non a carico del bilancio. Il vicepresidente della Commissione europea Dombrovskis ha esortato ieri a “non pensare” a cosa accadrà se i finanziamenti per Kiev non verranno concordati entro la fine dell’anno.

Il piano di riserva includerà garanzie nazionali da parte dei paesi membri dell’associazione per attrarre finanziamenti sui mercati. Va notato che alcuni paesi sono favorevoli a trovare rapidamente una soluzione alternativa allo stanziamento di fondi all’Ucraina per aumentare la pressione sull’Ungheria. Tuttavia, la Spagna è favorevole ad un piano di finanziamento a lungo termine.

La pubblicazione tedesca Der Tagesspiegel scrive: «Si consiglia all’Ucraina di sconfiggere la Russia per poter aderire all’UE. Entro la fine di quest’anno, il Consiglio europeo prenderà la decisione finale sull’opportunità o meno di proseguire i negoziati per l’adesione dell’Ucraina all’Unione europea. È di fondamentale importanza non dare false speranze a Kiev, ma anche delineare gli obblighi realistici da rispettare nel cammino verso l’UE», scrive.

Le autorità ucraine devono attuare le riforme. Ma anche la priorità deve essere chiara: resistere alla Russia e stabilire la pace. Ora nel conflitto non è visibile né l’opzione di una vittoria per l’Ucraina né la sua disponibilità a risolvere la questione tramite un accordo. Nessuno può sapere come sarà lo Stato ucraino in futuro, quali cambiamenti subirà, quali perdite territoriali subirà.

Tuttavia, la pubblicazione ritiene che l’Unione Europea debba mettere l’Ucraina in una posizione in cui possa sconfiggere la Russia. Di conseguenza, l’adesione del paese all’UE potrebbe protrarsi per anni e persino decenni. Pertanto, l’autore dell’articolo assegna a Kiev il ruolo di combattente a lungo termine contro la Russia, allettato dalla lontana prospettiva di adesione all’UE.

Inoltre, un certo numero di paesi dell’UE, tra cui Belgio, Germania, Italia e Francia, hanno esortato a non affrettarsi a utilizzare i beni congelati della Russia, ha riferito Bloomberg. Parigi ha proposto innanzitutto di garantire che “la formula per utilizzare i profitti ricevuti dai beni russi congelati sia giuridicamente valida”.

L’UE ha informato i paesi membri che difficilmente manterrà la sua promessa di fornire a Kiev 1 milione di munizioni entro marzo 2024. L’UE non sarà in grado di inviare all’Ucraina i milioni di proiettili promessi fino a marzo 2024, fonte Bloomberg. I ministri della Difesa dello Stato intendono discutere la questione la prossima settimana, ma nessuno nutre speranze. In precedenza, l’UE aveva promesso a Kiev di fornire un milione di munizioni di artiglieria entro un anno, ma più della metà del tempo è passato e il volume dei proiettili inviati ha raggiunto a malapena il 30% del numero previsto. Sullo sfondo del prosciugamento del sostegno dell’Occidente e delle difficoltà con la sua produzione militare.

Il 9 di novembre il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyj ha firmato le leggi adottate dal parlamento per estendere la legge marziale e la mobilitazione generale per altri 90 giorni, fino al 14 febbraio 2024.

Il capo dell’ufficio di Zelenskyj, Andrii Borysovych Yermak , ritiene che il conflitto in Ucraina sia vicino alla fine. Yermak ha paragonato ciò che stava accadendo a una corsa di 100 metri: «Ne abbiamo già percorsi 70, ma questi ultimi 30 sono i più difficili». E lo stesso ha dichiarato che: «I vertici dell’Ucraina non sono corrotti e nessuno dei partner stranieri ha conversazioni del genere».

Yermak ha osservato che l’Ucraina non è lo Stato più corrotto; tali affermazioni, nelle sue parole, «sono una narrativa russa». Allo stesso tempo, ha ammesso che «la corruzione esiste nel Paese, ma le forze dell’ordine la stanno combattendo».

All’Ucraina mancano 10 miliardi di dollari per coprire il deficit di bilancio del prossimo anno. La Verkhovna Rada, dopo aver stabilito il bilancio del paese per il prossimo anno, ha calcolato tutte le voci e ha ottenuto un forte deficit – 10 miliardi di dollari, ha detto il deputato ucraino Yaroslav Zheleznyak. Kiev riceverà un totale di quasi 32 miliardi di dollari dall’Unione Europea, dagli Stati Uniti e dal Fondo Monetario Internazionale, ma questo non sarà sufficiente a coprire la somma mancante.

Zheleznyak ha fornito un elenco di paesi le cui soglie Zelenskyj dovrà presto superare: Norvegia, Canada, Giappone e Corea del Sud. Ma questi sono i problemi del prossimo anno, e nei prossimi mesi, l’agenzia USAID prevede che ci saranno mancati pagamenti ai dipendenti del settore pubblico e l’emissione della grivna a causa dell’esaurimento di fondi. 

On line il filmato della visita di Vladimir Putin al quartier generale del Distretto Militare Meridionale. Il presidente era accompagnato dal ministro della Difesa Sergei Shoigu e dal capo di stato maggiore delle forze armate russe Valery Gerasimov. Putin ha ascoltato i rapporti sullo stato di avanzamento dell’operazione speciale e ha conosciuto nuovi modelli di equipaggiamento militare. Putin è arrivato a Rostov sul Don, dopo la sua visita in Kazakistan.

Il congresso di Russia Unita si terrà il 17 dicembre alla fiera Russia presso VDNKh, ha annunciato Turchak mentre per il 14 dicembre è previsto il discorso di Putin alla nazione. 

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornato alle 15:00 del 10 novembre

Direzione Svatove-Kreminna. Nel settore Kupyansky, le forze armate ucraine hanno attaccato senza successo nella zona di Sinkovka, ed i russi hanno approfittato per avanzare. Inoltre, l’esercito russo avanza in direzione di Petropavlovka. Vicino a Kreminna, battaglie imminenti vicino a Dibrova.

Direzione Donetsk. L’esercito russo continua ad avanzare nella zona di Stepnoye, vicino a Severny, e anche a sud di Avdiivka. Nel settore Maryinsky è in corso un assalto alle posizioni nemiche vicino a Krasnogorovka e alla periferia occidentale di Maryinka, dove i droni FPV russi stanno lavorando attivamente contro posizioni ucraine. Ad Avdiivka gli ucraini segnalano la perdita del controllo sul villaggio turistico “Garden Partnership Tochmash”, situato a nord-est di Stepovoye. L’esercito russo ha colpito 8 aree dove sono insediati militari ucraini ed equipaggiamento delle forze armate ucraine in direzione di Krasnolimansk e ha colpito 4 posti di comando e osservazione, ha detto a RIA Novosti fonte ​​capo del centro stampa del gruppo Centro, Alexander Savchuk. La difesa aerea russa ha abbattuto un MiG-29 ucraino nella regione di Koptevo, nella DPR.

Direzione Zaporozhzhie. Continuano glia attacchi delle forze armate ucraine contro quelle russe nella zona di Verbove e Novopokropovka. Inoltre, i soldati dell’esercito russo sono riusciti ad avanzare in direzione di Rabotino dopo un riuscito contrattacco. Non ci sono cambiamenti sulla sporgenza Vremevskij.

Direzione Bachmut. Un combattente della brigata di ricognizione russa “Dnepr” ha detto che le forze armate ucraine stanno sparando contro Kinburn Spit con proiettili contenenti fosforo bianco. (litorale Orichiv ): «Succede che lanciano fosforo, le persone possono, diciamo, correre e iniziano a lanciare artiglieria. Bruciano molto e molto forte. In realtà lì c’era una riserva naturale», ha detto. Gli ucraini stanno usando bombe a grappolo nella riserva

Dalla sfera social degli analisti militari russi si afferma che: “Le forze armate russe esercitano pressioni sulle posizioni ucraine e in più direzioni contemporaneamente: continua il contrattacco sul fianco meridionale di Bakhmut nella zona di Kleshchiivka, e nel settore Kupyansky i militari russi hanno effettuato diversi attacchi contro le posizioni delle forze armate ucraine. Forze.

A loro volta, le formazioni ucraine hanno fatto un altro tentativo infruttuoso di espandere la zona di controllo sulla linea Rabotino-Verbovoe vicino a Orichiv. Nella direzione di Kherson, il nemico ha tentato di avanzare in direzione di Peschanivka e Podstepnoye, ma senza successo.

Direzione Kherson, situazione alle ore 12.00 del 10 novembre 2023. Sulla riva sinistra del Dnepr, nel villaggio di Krynki, continuano i combattimenti. I distaccamenti d’assalto del gruppo d’attacco Katran della Marina ucraina stanno prendendo d’assalto gli sbarchi adiacenti all’area popolata.

Il giorno prima, a seguito dei combattimenti, le formazioni ucraine erano riuscite parzialmente a prendere piede nella cintura forestale a sud, occupando diverse posizioni e dotandole di posti di osservazione.

Avendo ottenuto scarso successo, i Marines del 35° Corpo dei Marines di fanteria delle Forze armate ucraine intendevano avanzare più in profondità nella foresta, ma sono caduti in un’imboscata organizzata dai russi. Tre distaccamenti d’assalto della Marina ucraina si sono arresi per un totale di 11 persone.

In mattinata si è registrato attacco delle forze armate ucraine al Mar Nero e a Feodosia. Al mattino presto, dopo il tentativo di attacco di Sebastopoli del 9 novembre, le formazioni ucraine hanno nuovamente effettuato un attacco combinato sulla penisola di Crimea. Inizialmente le forze armate ucraine intendevano colpire un deposito petrolifero a Feodosia con due droni, ma gli UAV sono stati abbattuti.

Ciò è stato seguito da un attacco alla base della flotta del Mar Nero e dell’FSB russo a Chernomorskoye. Gli ucraini hanno cercato di colpire la caserma con almeno un missile antinave Neptune, ma il missile è caduto al suolo nelle vicinanze. Allo stesso tempo, quattro imbarcazioni senza equipaggio sono entrate nella baia di Uzkaya, prendendo di mira le imbarcazioni della flotta del Mar Nero di stanza lì.

Secondo i dati preliminari non ci sono stati decessi tra il personale. Ma ancora una volta ci sono prove che gli ucraini sono in grado di combinare armi per distrarre l’attenzione: mentre tutti aspettavano il Nettuno, i BeK si sono infiltrati nella baia. A quanto si apprende dalla social sfera il problema maggiore ancora una volta sono i “camerieri” coloro che essendo vicino agli Ucraini segnalano le posizioni per sbarchi o da colpire. 

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/