CINA. Crolla il prezzo dell’indicatore economico principale: il maiale

78

I prezzi cinesi della carne suina, il 60% del consumo di carne del paese, stanno crollando rovinosamente, esponendo i produttori a un rischio di fallimento crescente e costringendo il governo ad intraprendere azioni tra cui l’abbassamento degli obiettivi di produzione.

I futures della carne di maiale sul Dalian Commodity Exchange, un indicatore chiave dei prezzi della carne di maiale nel paese, erano di circa 14 yuan al chilogrammo il 16 aprile, riporta Nikkei. I prezzi hanno raggiunto un massimo di circa 26 yuan nel loro picco più recente nell’ottobre 2022, ma alla fine di quell’anno erano scesi del 40% a circa 15 yuan, e da allora sono rimasti al di sotto dei 20 yuan.

Il numero di suini in Cina è crollato tra il 2018 e il 2021 a causa di un’epidemia di peste suina africana, dopo la quale Pechino ha incoraggiato gli allevatori di suini ad espandere la produzione per stabilizzare l’offerta.

Si prevede che la produzione cinese di carne suina nel 2024 raggiungerà circa 56 milioni di tonnellate, secondo un rapporto dell’11 aprile del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Sebbene inferiore al livello dello scorso anno, la cifra è superiore di circa il 50% rispetto ai circa 36 milioni di tonnellate prodotte nel 2020, e anche superiore a quella del 2017, prima dell’epidemia di peste suina africana. L’effetto collaterale di simili forti misure politiche ha creato un eccesso di offerta.

In passato, quando i prezzi della carne suina in Cina hanno registrato un crollo prolungato a causa dell’eccesso di offerta, gli agricoltori hanno smesso di allevare suini e alcune piccole imprese hanno cessato l’attività. Ciò ha portato a una carenza di offerta, causando un forte aumento dei prezzi e innescando un ciclo in cui il numero di suini e il prezzo della carne suina periodicamente aumentano e diminuiscono.

La resilienza delle principali aziende di allevamento di suini è ora messa alla prova: Muyuan Foods, il più grande allevatore di suini della Cina, che vende più di 60 milioni di maiali all’anno, ha annunciato a gennaio di prevedere perdite comprese tra 3,8 e 4,6 miliardi di yuan per il 2023.

Anche alcuni dei principali produttori di carne suina rischiano la bancarotta: Jiangxi Zhengbang Technology, il sesto operatore più grande del settore nel 2022, è fallita alla fine di quell’anno ed è stata riorganizzata; Fujian Aonong Biological Technology Group, la settima azienda più grande, si trova ad affrontare un debito scaduto in aumento derivante dal deterioramento degli utili.

Un aumento dei fallimenti di grandi aziende potrebbe causare in futuro shock inaspettati dal punto di vista dell’offerta. Il governo cinese sta iniziando a prendere misure serie, annunciando l’intenzione di abbassare il numero target di scrofe da riproduzione di circa il 5% a partire da marzo, scendendo dai precedenti 41 milioni a 39 milioni. Inoltre, considererà il 92% di tale obiettivo, circa 35,9 milioni di scrofe, un livello accettabile che non richiede allarme, un allentamento rispetto alla precedente soglia del 95%.

I prezzi della carne di maiale hanno un impatto significativo sull’andamento dei prezzi in Cina. L’indice dei prezzi al consumo per marzo, annunciato dall’Ufficio nazionale di statistica l’11 aprile, è aumentato dello 0,1% su base annua, in aumento per il secondo mese consecutivo, ma ben al di sotto dell’obiettivo del governo del 3% poiché si aggira vicino allo zero.

Mentre il calo dei prezzi della carne suina ha portato ad una pressione al ribasso sull’indice dei prezzi al consumo, la pressione deflazionistica potrebbe allentarsi in una certa misura se i prezzi della carne suina iniziassero ad aumentare in futuro. Gli sforzi della Cina per ridurre il numero di suini allevati avranno probabilmente un impatto anche sul mercato globale dei cereali, perché una diminuzione della domanda di importazioni di mangimi eserciterà una pressione al ribasso sui prezzi del mercato internazionale dei cereali foraggieri come mais e soia.

Luigi Medici 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/