PETROLIO. Sale del 40% l’export del greggio russo

129

Secondo uno studio del Crea, Centro di ricerca sull’energia e l’energia pulita, le entrate russe derivanti dalle esportazioni di energia nei primi 100 giorni di guerra sono ammontate a 93 miliardi di euro e l’Ue rimane il principale acquirente di gas e petrolio russo, anche dopo l’applicazione del sesto pacchetto di sanzioni contro l’energia.

Nonostante la spinta dell’Occidente per eliminare gradualmente le importazioni di energia russa e privare il Cremlino delle entrate per finanziare la sua guerra in Ucraina, i ricavi delle esportazioni del Paese sono aumentati di quasi il 40% rispetto all’anno precedente a maggio, grazie all’impennata dei prezzi globali, come dimostrano i dati pubblicati dal Crea di Helsinki.

L’Ue sta compiendo uno sforzo concertato per tagliare i legami energetici con la Russia a causa delle sue azioni in Ucraina, avendo già introdotto un divieto sulle importazioni di carbone dal Paese e concordato un embargo fino al 90% delle forniture di petrolio entro la fine dell’anno. Pur essendo riluttante a prendere misure simili per quanto riguarda il gas russo, la Commissione europea chiede agli Stati membri di ridurre drasticamente l’uso del gas e di aumentare le importazioni da fornitori alternativi nell’ambito del piano REpowerEU, che, secondo la Commissione, potrebbe portare a una riduzione di due terzi delle forniture di gas russo al blocco entro la fine dell’anno.

Tuttavia, il rapporto del Crea indica chiaramente quanto denaro l’Ue continua a consegnare a Mosca in cambio del soddisfacimento del suo fabbisogno energetico. Su un totale di 93 miliardi di euro guadagnati dal Paese con le esportazioni di combustibili fossili, l’Ue ha contribuito per 57 miliardi di euro, pari al 61%. Il blocco ha contribuito all’85% delle entrate della Russia dalle esportazioni di gasdotti, al 75% delle entrate dalle vendite di prodotti petroliferi, al 75% dal Gnl, al 50% dal petrolio greggio e al 30% dal carbone, riporta BneIntellinews.

Le importazioni energetiche russe sono state significativamente colpite a maggio da interruzioni e forti sconti sulle esportazioni di greggio, nonché da una riduzione dei volumi di fornitura di gas, in seguito alla decisione di Gazprom di interrompere le forniture a nove acquirenti in Bulgaria, Danimarca, Finlandia, Germania, Paesi Bassi e Polonia. Questi Paesi si erano rifiutati di rispettare un decreto del Cremlino che imponeva loro di effettuare i pagamenti denominati in euro e dollari USA su conti aperti presso Gazprombank, da convertire in rubli prima del trasferimento a Gazprom.

Ciononostante, i ricavi delle esportazioni russe di idrocarburi sono aumentati di quasi il 40% su base annua a maggio, raggiungendo gli 883 milioni di euro. Si tratta di 43 milioni di euro in più di quanto si stima che la Russia stia spendendo per la sua guerra in Ucraina.

La riduzione dei volumi ha ridotto di 95 milioni di euro le entrate giornaliere della Russia e lo sconto sul petrolio russo ha cancellato altri 95 milioni di euro. Ma questi fattori sono stati più che compensati dalla crescita degli incassi di 443 milioni di euro dovuta all’aumento dei prezzi degli idrocarburi. Le entrate sono diminuite rispetto alla media di 1,1 miliardi di euro al giorno di gennaio e febbraio, anche se la stagionalità è stata la causa principale di questo calo.

Su base nazionale, i maggiori tagli al flusso di entrate della Russia sono stati apportati dalla Polonia e dagli Stati Uniti. In termini percentuali, forti riduzioni sono state ottenute anche da Lituania, Finlandia ed Estonia.

La Cina ha sostituito la Germania come principale acquirente di idrocarburi russi durante il periodo di 100 giorni, importando un totale di 12,6 miliardi di euro. Mentre gli acquisti cinesi sono rimasti a un livello relativamente costante durante la guerra, la Germania è riuscita a ridurre del 25% le sue importazioni di greggio dalla Russia.

Anche Cina, India, Francia, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita hanno approfittato dello sconto sul petrolio russo e hanno ampliato gli acquisti. L’India è emersa come un acquirente significativo, rappresentando il 18% delle esportazioni di greggio del Paese. Il maggiore acquirente è stata la raffineria di Jamnagar, che a maggio ha ricevuto dalla Russia il 27% del suo petrolio, rispetto a meno del 5% di aprile. Secondo il rapporto, le importazioni russe hanno sostituito principalmente gli arrivi da altre fonti in India, ma il Paese ha anche registrato un aumento dell’assunzione complessiva di greggio dall’inizio di aprile.

La maggior parte di questo petrolio viene riesportato sotto forma di prodotti petroliferi. Si tratta della metà dei prodotti petroliferi che la raffineria di Jamnagar produce in totale.

Ad aprile-maggio, il Crea ha stimato che il 68% del petrolio esportato dalla Russia era a bordo di navi di proprietà di compagnie dell’UE, del Regno Unito e della Norvegia. Le petroliere greche da sole trasportavano il 43% del totale. Il 97% delle petroliere era assicurato in soli tre Paesi: Regno Unito, Norvegia e Svezia.

Antonio Albanese