CINA. Crescita al 3% nel 2022. La più debole da diversi anni

78

Il prodotto interno lordo della Cina ha registrato un’espansione del 3% nel 2022, segnando una delle performance annuali più deboli degli ultimi decenni, a causa della politica zero-COVID di Pechino e della vacillante domanda estera che ha colpito la seconda economia mondiale.

La crescita annuale del Paese è stata anche ben lontana dal precedente obiettivo ufficiale del 5,5% e arriva dopo che molte istituzioni finanziarie hanno ridotto le previsioni per l’economia duramente colpita. Nel periodo ottobre-dicembre, l’economia è cresciuta del 2,9% su base annua, in rallentamento rispetto al 3,9% del terzo trimestre, secondo le statistiche ufficiali pubblicate il 17 gennaio, riporta Nikkei.

A parte un’espansione annua del 2,2% nel 2020, all’inizio della pandemia, gli ultimi numeri sono i più deboli della Cina dal 1976, mentre il Paese sta attraversando una crisi nel suo mercato immobiliare chiave a seguito di un’ondata di insolvenze obbligazionarie da parte di costruttori sommersi dal debito.

«Le basi della ripresa economica nazionale non sono solide, poiché la situazione internazionale è ancora complicata e grave, mentre la triplice pressione interna della contrazione della domanda, dello shock dell’offerta e dell’indebolimento delle aspettative è ancora incombente», ha dichiarato l’Ufficio nazionale di statistica in un comunicato.

La debolezza del mercato immobiliare cinese ha avuto ripercussioni sull’economia, in quanto la crisi del debito dei costruttori ha portato a lasciare incompiuti numerosi progetti residenziali, scatenando uno sciopero del pagamento dei mutui tra i proprietari di case arrabbiati.

La fiducia nel settore, che rappresenta oltre il 25% del Pil, è crollata e martedì i dati ufficiali hanno mostrato che gli investimenti immobiliari sono scesi del 10% su base annua nel 2022 – il primo calo annuale dall’inizio delle registrazioni nel 1999. Le vendite di immobili per superficie sono crollate del 24,3% l’anno scorso rispetto al 2021, segnando il più grande calo da quando sono iniziate le registrazioni nei primi anni Novanta.

La debolezza dell’economia globale e il calo della domanda da parte delle principali destinazioni di esportazione, tra cui gli Stati Uniti, hanno intaccato anche le prospettive della Cina.

Le autorità sono ora alle prese con un’ondata di focolai di virus, dopo aver smantellato la politica dello zero-COVID, che aveva frenato la crescita e le catene di approvvigionamento, mentre i funzionari hanno ripetutamente disposto chiusure in tutta la città, compresa una chiusura di due mesi della capitale finanziaria Shanghai lo scorso anno.

Le autorità si aspettano ora una seconda ondata di epidemie alla fine del mese, quando milioni di persone viaggeranno durante le vacanze del Capodanno lunare, anche se le principali città affermano di aver superato il picco di infezioni.

I dati più deboli sulla crescita del quarto trimestre sottolineano le sfide che ci attendono dopo che le severe politiche cinesi in materia di virus hanno colpito le vendite al dettaglio e la produzione industriale. Per l’anno in corso, le vendite al dettaglio sono diminuite dello 0,2%, mentre la crescita del settore dell’e-commerce, un tempo fiorente, è rallentata.

La crisi ha avuto ripercussioni anche sull’occupazione: il tasso di disoccupazione è salito al 5,5% l’anno scorso dal 5,1% del 2021, mentre la disoccupazione tra i giovani di età compresa tra i 16 e i 24 anni è rimasta alta, al 16,7%.

Secondo le previsioni degli analisti, le epidemie persistenti e l’aumento del numero di morti continueranno a pesare sulla crescita, prima di recuperare nella seconda metà dell’anno. Nikkei prevede che il Pil cinese si espanderà del 4,7% nel 2023. Per convenzione, la Cina annuncerà l’obiettivo del PIL di quest’anno a marzo, insieme al nuovo gabinetto di governo che sarà probabilmente guidato da Li Qiang, il nuovo numero due del partito e protetto del presidente Xi Jinping.

Maddalena Ingroia

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/