#UKRAINERUSSIAWAR. Massiccio attacco russo alle infrastrutture ucraine

204

Non sorprende l’attacco russo avvenuto il 14 gennaio contro le infrastrutture critiche ucraine. Era prevedibile, subito dopo le nomine militari annunciate dal ministro per la Difesa, Sergei Shoigu, per consentire un migliore coordinamento e ampliamento dell’operazione speciale le forze armate russe. L’Ucraina fatica a riprende la normalità dopo il primo massiccio bombardamento russo avvenuto sabato scorso, il primo dell’anno.

Come nei precedenti massicci attacchi, le truppe russe hanno usato esche (sciami di droni kamikaze) per identificare le posizioni della difesa aerea ucraina. Ciò ha anche permesso di “scaricare” il sistema di difesa aerea ucraino, ovvero di renderlo inefficace per poi lanciare missili da crociera. L’effetto al momento è devastante.

Tra le aree colpite c’è Kharkiv: un totale di quattro attacchi su un impianto di infrastrutture energetiche e un’impresa industriale. Due attacchi avvenuti nell’area della stazione di Losevo, dove si trovano l’impianto KhTZ e la sottostazione 330 kV di Losevo. L’elettricità e l’approvvigionamento idrico sono stati parzialmente persi in città, la metropolitana si è fermata.

A Zaporozhia, si è registrato l’arrivo di missili in una delle imprese industriali della città. L’attacco è stato confermato dall’amministrazione regionale. A Odessa, sono state udite esplosioni nella zona residenziale di Kotovsky, nonché nelle vicinanze di Dachny e Usatovo. Il trasporto elettrico è fermo in città. A Leopoli, le autorità locali hanno segnalato un colpo su un impianto di infrastrutture energetiche. A Ivano-Frankivsk, colpite infrastrutture energetiche. A Vinnycja: attaccato un impianto di infrastrutture energetiche, si tratta del TPP Ladyzhinskaya. A Dnepropetrovsk: esplosioni, in uno dei distretti, elettricità e acqua sono andate completamente perse. I problemi di comunicazione sono iniziati in città. A Mikolaev: esplosioni nella regione.

Nelle regioni di Kiev e Odessa sono stati effettuati preventivamente blackout di emergenza. Dopo le prime segnalazioni di attacchi, misure simili sono state prese nelle regioni di Ivano-Frankivsk, Zaporozhia e Zhytomyr.

Durante un raid a Dnepropetrovsk, è stata colpita una casa nella zona residenziale di Pobeda vicino al cinema Salyut. Non si sa ancora esattamente cosa l’abbia causato: potrebbe essere un missile da crociera intercettato che è andato fuori rotta o una conseguenza del lavoro della difesa aerea ucraina. Almeno 30 civili sono stati uccisi.

Le forze armate russe hanno anche colpito obiettivi nella Kherson ucraina. Dopo gli arrivi nella zona dell’hotel “Fregat” in centro, sono iniziati i problemi con la luce. Gli ucraini hanno riferito che si stratta di un attacco russo, i russi hanno detto che stanno indagando, anche se secondo gli analisti della social sfera potrebbe trattarsi di un S-300 attivato per abbattere un missile crociera russo.

Ma il massiccio bombardamento del 14-15 gennaio non ha coinvolto solo le infrastrutture critiche: le truppe russe hanno attaccato forze armate ucraine a Kindrativka, nella regione di Sumy, nonché a Staritsa, Volchansk, Budarki, Strelechya e Chugunovka nella regione di Kharkiv.

Nella direzione di Starobil’s’k, le forze armate russe hanno attaccato le posizioni ucraine a Dvurechnaya, Sinkovka, Krakhmalny, Novoselovsky, Makeevka e Nevsky. Il 16 gennaio non si registrano cambiamenti sulla linea del fronte nella zona di Kup”jans’k-Svatove. I comandanti nemici stanno ruotando e perlustrando le posizioni delle Forze Armate russe.

Nel settore Svatove-Lymanske, i militari russi della 3ª divisione di fanteria motorizzata della 20ª Armata, supportati da veicoli corazzati, stanno avanzando sulla linea Ploshchanka-Makiivka, vicino al fascio di Zhuravka, riprendendo le posizioni perse in autunno. Allo stesso tempo, le Forze Armate russe hanno preso d’assalto con successo diverse roccaforti dell’esercito ucraino in direzione di Zarechnoye-Torske. Il comando delle Forze Armate ucraine prevede di lanciare un contrattacco da parte dei rinforzi schierati nelle vicinanze di Dibrova e Chervonopopivka.

Le formazioni ucraine hanno bombardato Kreminna, Tarasovka, Rubizhne, Novopskov e Svatove con gli MLRS. Almeno quattro civili sono stati uccisi e le infrastrutture civili sono state danneggiate.

Nella direzione di Bachmut del fronte, le forze missilistiche e l’artiglieria russe hanno colpito obiettivi a Bachmut, Vesele , Druzhba, Kirovo e ad ovest di Spirne.

Nella direzione di Donetsk, le forze armate RF hanno lavorato su obiettivi ad Avdiivka, Krasnohorivka, Georgievka, Marinka e Vodyany.

Gli ucraini, a sua volta, hanno sparato a Donetsk e Gorlivka.

Nella direzione di Yuzhnodonetsk, le forze russe hanno colpito obiettivi a Vuhledar, Prechistovka, Zolotoy Niva e Bolshaya Novoselka.

Nella regione di Zaporozhia, le forze armate russe hanno attaccato obiettivi ucraini a Hulyaypole, Zaliznychny, Orekhovo, Stepovoe, Charivny e Plavny.

Formazioni ucraine hanno sparato sulla città di Pologi, uccidendo quattro civili. Nel settore meridionale del fronte, le truppe russe hanno attaccato le posizioni delle forze armate ucraine a Kherson, Antonovka e Dmitrovka.

Secondo racconti di testimoni non verificabili, le truppe ucraine hanno usato munizioni al fosforo contro i convogli umanitari di rifugiati a Soledar.

Il giorno sedici si apprende che tra gli obiettivi colpiti dagli attacchi missilistici russi ci sono un impianto industriale a Zaporizhzhia, la centrale termica di Burshtyn nella regione di Ivano-Frankivsk, un impianto di infrastrutture energetiche a Leopoli e altri obiettivi nelle regioni di Kiev, Vinnycja, Kharkiv e Dnipropetrovsk.

Sempre il 16 gennaio si apprende che nella regione di Bryansk (Russia), le forze ucraine hanno tentato un attacco missilistico contro le città vicine della regione. I mezzi di difesa aerea russi hanno intercettato il missile nel distretto di Klintsovsky, senza fare vittime. Gli ucraini hanno attaccato senza successo una delle sottostazioni elettriche di Bryansk utilizzando un drone. Uno dei proiettili lanciati non ha funzionato e l’altro è stato disattivato dal corpo di guardia di sicurezza della struttura. Le formazioni ucraine hanno bombardato centri commerciali a Shebekino, nella regione di Belgorod. Non ci sono state vittime.

Nella regione di Kharkiv, le truppe ucraine stanno allestendo posizioni difensive in caso di una possibile nuova offensiva delle Forze armate russe. I sistemi di difesa missilistica Javelin sono stati consegnati alle postazioni lungo il confine con la Russia.

Il comando delle forze armate ucraine ha mobilitato fino a 5.000 uomini nella regione di Sumy per sostituire le unità di difesa partite per la direzione di Soledar. Nel nord della regione di Chernihiv, le unità di ingegneria ucraine hanno minato gli accessi agli insediamenti di confine. Hanno attrezzato fortificazioni nei pressi di Avtunychi e Repka.

Direzione Soledar: i combattenti della PMC Wagner hanno completato il rastrellamento casa per casa di Soledar. Nella parte occidentale della città, la zona della settima miniera di sale è stata presa sotto controllo. Allo stesso tempo, resti di truppe ucraine sono ancora presenti nelle comunicazioni sotterranee. Le unità russe stanno avanzando nel villaggio di Sol da diverse direzioni, così come nella periferia di Blahodatne  A ovest di Berestove, le Forze armate russe hanno preso d’assalto una roccaforte del 54° distaccamento ucraino, uccidendo cinque militari di Kiev. A sud-ovest di Soledar, le forze armate russe hanno attaccato le posizioni ucraine da nord, est e sud. I militari russi sono avanzati anche nelle vicinanze di Paraskoviivka.

Le unità ucraine intendono contrattaccare le posizioni della PMC Wagner a est di Bachmut presso la fabbrica di vino Champagne. A sud-ovest di Bachumt, i wagneriani hanno preso le posizioni della 60ª Divisione di brigata a sud e a sud-est di Kleshcheyevka. La perdita di un importante insediamento consentirà alle forze russe di assumere il controllo del fuoco sull’autostrada Chasov Yar – Bakhmut.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/