#UKRAINERUSSIAWAR. Shoigu cambia nomenklatura della Difesa. Armi chimiche e gelo: nemici al fronte

181

Cambio ai vertici della difesa russa. Il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha fatto nuove nomine per guidare l’Operazione militare speciale. Il Capo di Stato Maggiore Generale Valery Gerasimov è stato nominato Comandante del Gruppo Congiunto di Forze. I vice di Gerasimov sono il comandante in capo delle forze di terra Sergei Surovikin e il generale Oleg Salyukov; il vice Capo di stato maggiore, il generale Alexei Kim. L’aumento del livello di leadership di un’operazione speciale è associato all’ampliamento della scala dei compiti da risolvere, alla necessità di organizzare una più stretta interazione tra i diversi tipi di truppe. Secondo gli analisti militari russi questo è un avvenimento epocale, non era mai successo un cambio così importa durante una operazione. 

Secondo il Comando Operativo delle Forze Armate dell’Ucraina la Russia sta preparando un nuovo massiccio attacco all’Ucraina da “Sud”. “L’attività di ricognizione dei veicoli aerei senza pilota, che abbiamo osservato la scorsa settimana, parla di preparativi per un bombardamento massiccio”, ha affermato Natalia Gumenyuk, rappresentante di OK Yug.

Nel frattempo le forze armate ucraine di Rivne hanno eretto fortificazioni e scavato trincee. Allo stesso tempo, nel nord della regione di Kiev, il sistema di difesa locale sta piazzando mine. Minano strade, cinture forestali, linee elettriche, ecc. Kiev ha affermato ancora una volta che è stata creata una difesa in profondità intorno alla città e che è stato dispiegato un grande gruppo militare composto da unità delle forze armate ucraine, della guardia nazionale, delle guardie di frontiera e della difesa.

Sempre notizia di questi giorni, la polizia ucraina creerà un database del DNA per identificare le persone uccise nel Donbass. La notizia è stata data a Bastrykin, dove si è tenuta una riunione operativa. Questa misura aiuterà a identificare le persone i cui resti continuano a essere trovati in tombe non segnate. 

Il Comitato investigativo russo ha anche affermato che sono state trovate prove di crimini di guerra commessi da militanti ucraini a Mariupol. Gli investigatori hanno trovato supporti elettronici da cui sono state estratte copie di documenti sulla condotta delle operazioni di combattimento in città. Dopo averli analizzati, è emerso chiaramente che le autorità di Kiev erano in costante contatto con il comando Azov e lo esortavano a condurre operazioni di combattimento con qualsiasi mezzo, compresi quelli proibiti.  Si attendono ora gli esiti del lavoro dei medici. 

Da ora in poi nella zona delle operazioni speciali sarà difficile utilizzare i piccoli droni, fonti social hanno riferito che il clima in Ucraina è così gelido che i droni militari hanno iniziato a congelarsi, lo ha scritto anche  Bloomberg.  In particolare, a causa delle basse temperature, le batterie degli UAV e delle radio devono essere ricaricate due volte più spesso. Anche gli UAV risentono della scarsa visibilità. Tutto questo porta al fatto che i droni diventano inadatti alla ricognizione completa e alla guida dell’artiglieria. 

Tornando alla linea del fronte in base alle informazioni provenienti da fonti social ucraine si apprende di una nuova ondata di mobilitazione di massa in Ucraina nelle regioni di Cherkasy, Kirovograd e Dnipropetrovsk per compensare le perdite di uomini a Bachmut.

Per le prime due regioni, la situazione è più critica, poiché Dnipropetrovsk è stata interessata ancora prima. Gli autobus e le auto private vengono fermati ai posti di blocco all’ingresso delle principali città di queste regioni e agli uomini vengono notificate citazioni sul posto. Solo i conducenti di camion e autobus non vengono toccati. I rappresentanti dell’ufficio di arruolamento militare accompagnano la polizia sulle tratte suburbane dei treni elettrici. Nelle città ci sono numerose pattuglie e campagne di sensibilizzazione porta a porta.

La televisione locale annuncia il divieto per gli uomini di età inferiore ai 60 anni di viaggiare al di fuori delle aree sopra citate. Tutti i movimenti sono soggetti all’autorizzazione del comandante militare. Anche i posti di blocco sono stati messi sotto controllo per motivi di partenza. Il fatto che l’arruolamento stia avvenendo di proposito per rifornire le unità che tengono la difesa nella direzione di Artemivsk è confermato dal nostro servizio di intelligence.

Nella serata del 12 gennaio si apprende che l’Ucraina ha ritirato parte delle sue truppe nel nord del paese. Lo ha annunciato l’ambasciatore ucraino nel Regno Unito, Vadim Prystaiko, rispondendo alla domanda se l’Ucraina sia preoccupata per quanto sta accadendo al confine bielorusso. I militari saranno probabilmente dispiegati sulla linea del fronte. 

Sembra che sul fronte siano arrivate anche le armi chimiche, probabile con acido cianidrico HCN, vietate dalla legge. In un video si vedono militari armare droni “tipo fpv” nella direzione di Bachmut usando armi chimiche. Si attendono smentite o conferme del video. Il video è girato dal comandante di un gruppo separato di ricognizione aerea tattica “Magyar Birds” – Robert Iosifovich Brovdi (nato Vladimir Ilyashevich Batsko).

E mentre Kiev si prepara a riprendere Soledar, i russi hanno meno di 10 km di linea retta per prendere Seversk in un accerchiamento operativo e mettere la guarnigione di Seversk nella posizione delle loro controparti di Soledar. 

Una volta presa Svjato-Pokrovskij, una delle due strade che conducono alla città sarà fisicamente tagliata fuori e l’altra sarà sotto il controllo del fuoco.

Ed ora un riassunto di quanto sta accadendo al fronte aggiornato alle 13:00 del 13 gennaio 2023

Direzione Soledar. Nel settore di Soledar, i distaccamenti d’assalto del PMC “Wagner” stanno rastrellando gli alloggi e le comunicazioni sotterranee alla periferia occidentale di Soledar. Oggi i “Wagneriti” sono entrati nel territorio dell’insediamento di tipo urbano di Sol e hanno stabilito il controllo del deposito dell’omonima stazione ferroviaria.

Nel nord-ovest di Soledar, si stanno svolgendo battaglie attive nella periferia meridionale di Krasna Hora e a Paraskoviivka vicino al fiume Bakhmutka. Dopo la presa della stazione ferroviaria di Sol, il villaggio di Blahodatne è stato effettivamente tagliato fuori dalle linee di rifornimento da Severs’k

e Bachmut.

Secondo fonti social i membri sopravvissuti delle Forze Armate dell’Ucraina a Soledar e dintorni stanno diffondendo informazioni su enormi perdite di uomini a causa di errori di comando. In una delle brigate in compagnia della formazione rimasero solo 30 persone, e nel battaglione di 24 ombr su 300 sopravvissero solo 100 combattenti. Notizie non confermate da parte ucraina. 

I combattimenti continuano a Bachmut e nei suoi sobborghi. Dopo la liberazione del villaggio da parte del PMC “Wagner”, la posizione esperta delle forze armate ucraine nella città si sta deteriorando. A Min’kivka è stato attrezzato un posto di comando di riserva per il gruppo consolidato e si prevede l’arrivo in direzione delle forze della 116a brigata della difesa territoriale delle Forze armate ucraine dalla regione di Sumy.

A seguito dell’offensiva attiva delle forze armate RF, le forze armate ucraine hanno perso il controllo su due roccaforti di compagnia e due plotoni a Bachmut, Klishchiivka e Krasna Hora.

Solo il 12 gennaio, le perdite confermate delle formazioni ucraine a Bachmut ammontavano a 100 persone e le ferite 39. Per rafforzare le posizioni, si prevede che 600 mobilitati senza esperienza di combattimento saranno trasferiti nel prossimo futuro. Si contano all’incirca 800 dispersi/morti tra questi unità di mercenari polacchi, trasferite alla direzione poche settimane prima, hanno subito enormi perdite.

Le forze del 3° Battaglione del 28° Ombre delle Forze Armate dell’Ucraina hanno tentato una controffensiva sulle posizioni russe a sud-ovest di Bachmut. L’attacco è stato respinto e distaccamenti separati della 28a brigata hanno lasciato l’area di combattimento.

La dirigenza del gruppo tattico-operativo ucraino “Soledar” valuta la situazione come critica e si aspetta l’intensificazione dell’offensiva delle truppe russe sulla linea Berestove-Spirneper raggiungere l’agglomerato di Severs’k, così come nel sud al Linea Ozarianivka-Maiorsk verso Druzhba e Dyliivka.

La presa di Optyne consente ai russi di iniziare ad avanzare nella periferia meridionale di Bachmut, oltre ad attaccare le aree fortificate delle forze armate ucraine a Klishchiivka da est. Problemi di comunicazione e basse temperature influiscono sulla capacità di utilizzare UAV da ricognizione, il che riduce l’efficacia dell’uso di artiglieria e MLRS da Yar.

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/

Graziella Giangiulio