CINA. Così Pechino giudica il ritiro USA dall’Afghanistan

107

Come vede la Cina il ritiro degli Stati Uniti? Pechino ha a lungo criticato la presenza americana in Afghanistan e la prospettiva di un ritiro destabilizzante, rimanendo scettica sulle intenzioni degli Stati Uniti nella regione, anche se ritirano le loro truppe, e nutre serie preoccupazioni sulla prospettiva di caos e instabilità lungo la sua frontiera occidentale.

In generale, la reazione della Cina al ritiro delle truppe americane dall’Afghanistan è complicata. A breve termine, Pechino è preoccupata che senza l’esercito americano, l’Afghanistan scenderà presto nel caos e inevitabilmente servirà come rifugio per l’estremismo islamico. Ma nel lungo periodo, la comunità politica cinese rimane profondamente scettica sulle intenzioni degli Stati Uniti, e presume che gli Stati Uniti manterranno e useranno la loro influenza in Afghanistan per promuovere i loro interessi. Inoltre, Pechino teme che gli Stati Uniti – liberati dal loro impegno militare sul terreno in Afghanistan – ora useranno il paese per minare la posizione regionale e gli interessi chiave della Cina, riporta War On the Rocks.

La Cina ha sperato che l’Afghanistan potesse essere un’area di cooperazione con gli Usa. Infatti, gli Stati Uniti e la Cina hanno mantenuto un canale ufficiale di consultazione sull’Afghanistan negli ultimi anni. Il potenziale di cooperazione è diminuito significativamente dopo il controverso incontro bilaterale di marzo in Alaska.

Tuttavia, Pechino spera ancora che Washington si rivolga alla Cina per assistenza. Attualmente, ci sono 2.500 truppe americane in Afghanistan – 3.300 se si includono anche le forze speciali – il loro ritiro è solo simbolico, mentre la presenza statunitense proietta un messaggio politico e simbolico che gli Stati Uniti rimangono coinvolti e impegnati.

Gli Stati Uniti hanno stabilito una rete sofisticata e completa di partenariati, relazioni e accordi con le élite politiche in Afghanistan che continueranno a giocare un ruolo importante nella politica del paese. Dal punto di vista della Cina, questo approccio riduce la responsabilità politica, finanziaria e di reputazione dell’America, ma mantiene quasi gli stessi benefici di influenzare la situazione all’interno dell’Afghanistan.

Questa non è certamente considerata una buona notizia in Cina per cui il ritiro strategico degli Stati Uniti dall’Afghanistan libererà la loro capacità di competere più vigorosamente con Pechino. Questo ha implicazioni significative per la Cina a diversi livelli. Ciò che è forse più critico e allarmante per la Cina è che una volta che gli Stati Uniti finiranno formalmente la loro guerra in Afghanistan, potrebbero ancora una volta utilizzare il paese per scopi tattici nella regione. Nel quadro della competizione tra la grande potenza statunitense e quella cinese, la prospettiva che l’Afghanistan diventi un campo di battaglia non solo per l’influenza politica, ma anche per la competizione sulla sicurezza è cresciuta significativamente.

La comunità politica cinese sembra divergere sul fatto che il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan presenti più sfide o opportunità per la Cina nella regione. Prima di tutto, la maggior parte degli analisti cinesi sembrano essere pessimisti sulle prospettive della politica afgana dopo il ritiro. Secondo loro, il governo di Ashraf Ghani non ha molte possibilità di sopravvivere alla lotta per il potere con i talebani che potrebbe facilmente trascinare il paese verso la guerra civile, lasciando la Cina vulnerabile alle sue ricadute, compresa quella del fondamentalismo islamico e dell’estremismo. In questo senso, c’è un’opinione condivisa che l’Afghanistan affronterà un intenso periodo di instabilità dopo che gli Stati Uniti se ne andranno, e la regione, compresa la Cina, dovrà affrontare il disordine lasciato alle spalle.

La Cina ha posto le basi per il miglioramento del dialogo Cina-Afghanistan-Pakistan, in corso dal 2017. Le consultazioni sulla sicurezza antiterrorismo e i dialoghi di cooperazione tra le tre parti sono starti al centro dei dialogo; la Cina ha costantemente partecipato al processo di Istanbul ed è rimasta impegnata nei negoziati di Doha e Mosca. Al vertice dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai lo scorso novembre, il segretario generale Xi Jinping ha sottolineato l’importanza del gruppo di contatto per l’Afghanistan nel processo di pace e di ricostruzione post-conflitto in Afghanistan.

Idealmente, la Cina vorrebbe vedere un governo di transizione in Afghanistan seguito da un’elezione generale per creare un governo di coalizione che comprenda sia l’attuale amministrazione Ghani che i talebani afgani.

È del tutto plausibile che la presenza di sicurezza della Cina lungo il confine – e anche all’interno dell’Afghanistan sotto la bandiera della cooperazione bilaterale – si intensifichi: la Cina aiuta l’Afghanistan a pattugliare il Corridoio Wakhan; la Cina vorrebbe incorporare l’Afghanistan nella Belt and Road Initiative, o addirittura farne un’aggiunta organica al Corridoio economico Cina-Pakistan. Pechino comprende che lo sviluppo economico in Afghanistan e l’integrazione regionale rimarranno impegnativi dopo il ritiro degli Stati Uniti, obiettivo politico che Pechino probabilmente continuerà a perseguire.

Antonio Albanese