AFGHANISTAN. Peacekeeper cinesi al posto degli americani dopo il ritiro USA

192

Pechino potrebbe considerare l’invio di una forza di pace in Afghanistan, se la situazione della sicurezza nel paese dell’Asia meridionale rappresentasse una minaccia per la vicina provincia cinese del Xinjiang, dopo il ritiro delle truppe americane. Il presidente americano Joe Biden ha detto che ritirerà tutte le truppe americane rimanenti, circa 2.500 uomini, dall’Afghanistan entro l’11 settembre, il XX anniversario dell’attacco terroristico a New York.

Il ritiro può rappresentare una minaccia per la sicurezza e la stabilità dell’Afghanistan, che potrebbe riversarsi nello Xinjiang e interrompere gli sforzi della Cina contro il terrorismo, riporta Scmp. Nel 2018, la Cina ha addestrato le truppe afgane e ha contribuito a creare una brigata di montagna. L’addestramento si è svolto in Cina e l’obiettivo della brigata era quello di contrastare possibili attacchi di al-Qaeda e dello Stato Islamico.

Per gli esperti di Pechino «le forze di sicurezza del governo afgano non sono in grado di garantire la sicurezza afgana (…) La situazione in Afghanistan potrebbe andare ulteriormente nel caos in futuro. La criminalità transfrontaliera, il traffico di droga e il contrabbando di armi da fuoco potrebbero proliferare». Anche se Pechino non inviasse truppe in Afghanistan, potrebbe lavorare con altri paesi della regione per promuovere la stabilità politica e ridurre il rischio di sicurezza per la Cina.

«Se la situazione della sicurezza rappresentasse una minaccia significativa, la Cina può inviare truppe di mantenimento della pace insieme all’assistenza umanitaria nella regione, secondo i termini della Carta delle Nazioni Unite, per garantire la sicurezza e gli interessi del popolo cinese e delle aziende» prosegue il giornale di Hong Kong.

Il ministero degli Esteri cinese ha detto il 15 aprile che le truppe straniere di stanza in Afghanistan dovrebbero ritirarsi in modo “responsabile e ordinato” per evitare che le forze terroristiche approfittino del caos.

«Gli Stati Uniti sono il più grande fattore esterno che influenza la questione afgana. Le decisioni e le azioni pertinenti degli Stati Uniti dovrebbero rispettare pienamente la sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale dell’Afghanistan, assumersi seriamente la responsabilità di mantenere i risultati della pace e della ricostruzione in Afghanistan», ha fatto sapere il Ministero.

Poco dopo l’annuncio di Biden, il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha detto che l’Alleanza ha previsto di ritirare le sue truppe, circa 7.000, dall’Afghanistan entro il mese prossimo. Il primo Ministro australiano Scott Morrison ha sottolineato che anche l’Australia completerà il suo ritiro militare dall’Afghanistan a settembre.

Secondo quanto riporta il giornale, è improbabile che la Cina spinga troppo per ottenere influenza in Afghanistan, dato che c’è già una forte concorrenza nella regione.

Secondo il cinese Charhar Institute, «Un certo numero di paesi, tra cui Pakistan, India e Russia, vogliono esercitare la loro influenza nella regione, quindi la Cina ha davvero bisogno di stare attenta a farsi coinvolgere nel caos» che conseguirà dal ritiro statunitense.

È improbabile che la Cina e gli Stati Uniti si impegnino in una cooperazione significativa in Afghanistan dopo il ritiro delle truppe americane, date le tensioni tra i due paesi.

«Possiamo vedere dal ritiro delle truppe americane che la volontà degli Stati Uniti di intervenire negli affari dell’Afghanistan sta diminuendo. Principalmente perché l’idea di risolvere i conflitti locali stabilendo una democrazia in stile occidentale in Afghanistan è fallita», afferma il Think Tank.

Secondo il Charhar Institute, gli Stati Uniti probabilmente ritireranno i loro schieramenti militari dall’Asia centrale e li ridisporranno nell’Asia-Pacifico: «Il ritiro dall’Afghanistan permette agli Stati Uniti di aumentare la loro presenza militare nelle regioni dell’Asia-Pacifico e dell’Oceano Indiano, con l’obiettivo di contenere la Cina (…) È molto probabile che gli Stati Uniti aumentino la loro attività militare nel Mar Cinese Meridionale e nella penisola cinese-indocinese».

Antonio Albanese