RUSSIA. Si allunga la lista degli agenti stranieri tra i media

55

La Russia ha designato il 14 maggio VTimes, un media online indipendente, come “agente straniero”, proprio mentre le autorità aumentano la pressione sui media liberali. La decisione del ministero della Giustizia è arrivata meno di un mese dopo che anche Meduza, un popolare sito di notizie in lingua russa, che ha sede in Lettonia, ha ricevuto la stessa etichetta, costringendolo a lanciare una campagna di crowdfunding per sopravvivere alla perdita di entrate pubblicitarie.

VTimes è stato aggiunto alla lista degli “agenti stranieri” perché è registrato nei Paesi Bassi, ha detto il Ministero russo in una dichiarazione, ripresa da Afp.

Il sito di notizie è stato fondato l’anno scorso dai redattori anziani e dai giornalisti del quotidiano economico Vedomosti, che hanno lasciato la testata dopo la nomina di un caporedattore pro-Cremlino.

Gruppi o individui identificati come “agenti stranieri” in Russia devono rivelare le loro fonti di finanziamento ed etichettare le pubblicazioni con una dizione ad hoc o pagare pesanti multe. L’etichetta è anche un deterrente per i potenziali inserzionisti e lo stigma rende anche difficile per i giornalisti svolgere il loro lavoro.

I critici del Cremlino dicono che durante i suoi due decenni al potere il presidente Vladimir Putin ha messo a tacere la maggior parte dei dissidenti e imbavagliato i media. I pochi media di opposizione e indipendenti che ancora operano in Russia sono oggi sotto enorme pressione.

La legislazione dietro il termine “agente straniero” è stata originariamente approvata nel 2012 per colpire le Ong. È stata ampliata per includere le organizzazioni dei media nel 2017 dopo che RT (ex Russia Today), finanziata dal Cremlino, è stata dichiarata un agente straniero negli Stati Uniti.

La Radio Liberty/Radio Free Europe finanziata dagli Stati Uniti – designata come “agente straniero” nel 2017 – ha recentemente dovuto subire una raffica di enormi multe per non aver rispettato la legge.

Anna Lotti