CILE. La mobilità elettrica è il futuro per l’economia di Santiago

145

L’elettromobilità è il futuro del Cile e della sua economia. Durante la sua partecipazione alla Convenzione sulle materie prime tra l’Unione Europea e l’America Latina 2023 in Argentina, il ministro delle Miniere del Cile Marcela Hernando ha sottolineato la posizione vantaggiosa del suo Paese per lo sviluppo dell’elettromobilità grazie alle sue grandi riserve di rame e litio.

«L’estrazione cilena di rame e litio è fondamentale per l’avanzamento verso l’elettromobilità e per il futuro del nostro Paese… per promuovere un’industria che offra al mondo materie prime a bassa impronta di carbonio e contribuisca alla lotta contro la crisi climatica», ha dichiarato Hernando, ripresa da Xinhua.

Un’azienda leader nel Paese sudamericano ha raggiunto un accordo per la fornitura di litio alla Ford per la produzione di veicoli elettrici. La Sociedad Química y Minera (SQM) ha annunciato lunedì scorso un accordo strategico a lungo termine con la Ford Motor Company per garantire la fornitura della materia prima per la produzione di veicoli elettrici. La società cilena ha riferito che «l’accordo tra Ford e SQM garantirà la fornitura di carbonato di litio e idrossido di litio per batterie, componenti essenziali per la produzione di batterie per veicoli elettrici ad alte prestazioni».

SQM ha aggiunto che il litio fornito all’azienda statunitense «contribuirà a sostenere i suoi piani di produzione di veicoli elettrici e ad espandere la sua presenza nei mercati globali dell’elettromobilità». Dato che la materia prima estratta in Cile «dovrebbe aiutare i veicoli Ford a qualificarsi per il credito d’imposta al consumo dell’Inflation Reduction Act statunitense».

«Apprezziamo la fiducia di Ford nella capacità di SQM di fornire prodotti al litio per batterie prodotti in modo sostenibile in Cile», ha dichiarato Carlos Díaz, vicepresidente esecutivo per il litio di SQM, che ha anche sottolineato come l’azienda cilena sia stata uno dei maggiori produttori di litio al mondo per oltre due decenni, periodo in cui ha investito in tecnologie e nello sviluppo di processi propri “con una delle più basse impronte ambientali del settore”.

«Questa alleanza permetterà a entrambe le aziende di contribuire ancora di più alla decarbonizzazione del pianeta su scala globale», ha aggiunto.

SQM è attualmente un’azienda privata leader nei mercati del litio, del nitrato di potassio, dello iodio e dei sali, riporta MercoPress.

Il mese scorso il Presidente cileno Gabriel Boric Font ha lanciato la Strategia nazionale per il litio, in base alla quale lo Stato cileno diventerà un attore chiave nell’intero ciclo produttivo attraverso l’imprenditorialità pubblico-privata della National Copper Corporation (Codelco), oltre alla creazione di una Società nazionale per il litio, che richiede l’approvazione del Congresso.

Il Cile possiede attualmente una delle più grandi riserve di litio al mondo nelle sue saline settentrionali, con cui cerca di consolidare la sua posizione di fornitore leader a livello mondiale. Nel 2022, il litio è risultato il prodotto non rameico più esportato dal Paese meridionale e si prevede che in futuro sarà un’importante fonte di reddito.

Durante il forum in Argentina, i Paesi latinoamericani cercano di promuovere e intensificare la cooperazione con l’Unione Europea nello sviluppo delle catene di valore delle materie prime. Si stanno inoltre valutando nuovi modelli di business basati su complementarietà e obiettivi comuni, è stato spiegato.

Maddalena Ingrao

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/