Brasile, non piace la norma sulle royalties sul petrolio

32

BRASILE – Rio de Janeiro. Il 27 novembre circa 200.000 persone hanno manifestato contro la proposta di legge del presidente brasiliano Dilma Rousseff che vorrebbe modificare la metodologia di distribuzione delle royalties del petrolio. Ora ne possono usufruire solo i paesi estrattori mentre con le modifiche presidenziali saranno suddivise in più stati.

Gli stati estrattori sono Rio, San Paolo e Espírito Santo. Secondo alcuni funzionari governativi il solo stato di Rio perderebbe 77,3 miliardi dollari (US 37,2 miliardi dollari) entro il 2020 R e R $ 2 miliardi (1 miliardo di dollari) nel 2013 se il disegno di legge passa. il presidente Rousseff ha fino al 30 novembre per decidere se ratificare il disegno di legge nella sua forma attuale, approvato da senatori e deputati  o porre il veto parzialmente o per intero. Se il nuovo disegno di legge passa, i canoni degli Stati produttori di petrolio «saranno tagliati dal 26,25 per cento al 20 per cento per gli Stati. Per i comuni i tagli ammontano al quindici per cento nel 2013, e di quattro per cento entro il 2020.

In passato la fetta più ampia delle royalties è finita a Rio che ha ricevuto da – $ 2.460.000.000.