BENIN. Il Ruanda schiererà uomini per combattere i jihadisti

83

Il Benin sta negoziando con il Ruanda il dispiegamento di un contingente militare per combattere i gruppi jihadisti al confine settentrionale. Se tutte le questioni saranno concordate, si prevede che a ottobre circa trecentocinquanta militari ruandesi si recheranno nella Repubblica, in seguito questo numero potrà essere raddoppiato.

«I colloqui sono in corso» ha dichiarato il portavoce del governo Wilfried Houngbedji, ripreso da Bloomberg. Secondo Africa Intelligence, il Ruanda potrebbe dispiegare fino a 700 soldati, alla luce delle visite di ufficiali militari beninesi in Ruanda.

Le prime truppe potrebbero arrivare a ottobre, se i negoziati si concluderanno questo mese, delle trattative sarebbero a conoscenza solo alcuni governatori regionali. Inizialmente saranno dispiegati 350 uomini, che potrebbero poi essere raddoppiati. «L’accordo non prevede il dispiegamento di truppe ruandesi sul terreno», ha poi dichiarato Houngbedji.

«Abbiamo una cooperazione di difesa esistente tra i nostri due Paesi», ha dichiarato il portavoce delle Forze di Difesa ruandesi Ronald Rwivanga, rifiutandosi però di fornire ulteriori dettagli sull’operazione.

Porto-Novo ritiene giustamente che, a causa del crescente numero di attacchi terroristici nella regione, gli islamisti del Burkina Faso e del Niger rivolgeranno presto la loro attenzione al Benin. Inoltre, nel dicembre 2021, nella repubblica africana sono stati registrati i primi attacchi a militari governativi. Il Ruanda si è affermato come potenza regionale combattente di relativo successo contro i jihadisti in Africa. La scorsa estate, il governo ha inviato truppe in Mozambico, dove le forze di sicurezza ruandesi hanno estromesso i militanti dello Stato Islamico da alcuni distretti da loro controllati.

Il Benin è una delle nazioni costiere dell’Africa occidentale sempre più preoccupate per la crescente insurrezione islamico-militante nella regione, con incursioni da nazioni senza sbocco sul mare come il Burkina Faso e il Mali. Il Ruanda ha già dispiegato truppe in Mozambico e nella Repubblica Centrafricana per aiutare a combattere i ribelli.

Maddalena Ingrao