AMBIENTE. Riciclo, termovalorizzazione e gas serra: la sfida ambientale di Pechino

44

La Cina sta cercando di affrontare il suo enorme problema dei rifiuti urbani, puntando a riutilizzare circa il 60% dei rifiuti generati dalle famiglie entro il 2025, con un aumento del 50% rispetto all’anno scorso.

Stando ai dati della National Development and Reform Commission, Ndrc, la capacità di gestione dei rifiuti urbani del paese ha raggiunto 1,27 milioni di tonnellate al giorno l’anno scorso, con un aumento del 63% rispetto al 2015. Tuttavia, questo aumento non è stato uniforme, poiché alcuni comuni stavano ancora lottando per tenere il passo con i crescenti volumi di spazzatura, e quindi il paese non è riuscito a soddisfare la serie di obiettivi di gestione dei rifiuti urbani per il 2016-2020, ha detto Ndrc, ripresa da Asia Times.

La Cina ha la più grande quota globale di rifiuti solidi urbani del mondo, rappresentando circa il 15% dei rifiuti e della spazzatura in tutto il mondo. Il numero totale di rifiuti urbani in Cina è comunque aumentato notevolmente dal 1990, triplicando di pari passo con lo sviluppo economico del paese, il più alto al mondo per il periodo di tre decenni.

Circa la metà delle città cinesi devono ancora costruire impianti di incenerimento dei rifiuti, mentre molte città nelle regioni centrali e occidentali non sono riuscite a raggiungere gli obiettivi sul trattamento dei rifiuti pericolosi.

La Commissione cinese, tuttavia, mira non solo ad aumentare i tassi di utilizzo dei rifiuti urbani al 60%, ma anche ad aumentare i livelli di incenerimento a circa il 65%, un aumento dal 45% dell’anno scorso.

La maggior parte dei residenti cinesi non fa la raccolta differenziata, con circa il 97% dei rifiuti che vengono bruciati o inceneriti. A metà del 2020, la maggior parte delle 654 discariche del paese erano già piene prima del previsto, mentre i 286 impianti di incenerimento erano a corto di offerta.

Il crescente problema dei rifiuti urbani della Cina è stato esacerbato ancora di più a causa della crescente popolarità dell’e-commerce e dei servizi di consegna del cibo dall’inizio della pandemia di Covid-19.

Il problema dei rifiuti urbani della Cina presenta un’opportunità per accelerare la termovalorizzazione: la Cina aveva già la più grande capacità installata di termovalorizzazione di qualsiasi paese nel 2019, con più di 300 impianti in funzione, secondo i dati del World Economic Forum. La sua capacità è aumentata annualmente del 26% nei cinque anni precedenti al 2019, rispetto alla crescita media di appena il 4% della capacità nei paesi Ocse. Molti di quegli impianti si basavano ancora sulla combustione di combustibili fossili nelle loro operazioni.

La Cina ora, con i finanziamenti e l’aiuto della Banca asiatica di sviluppo sta costruendo impianti di termovalorizzazione più ecologici.

Il problema della gestione dei rifiuti in Cina e le opportunità della termovalorizzazione arrivano mentre il paese cerca anche di abbassare la sua vasta impronta di emissioni di gas serra, come promesso dal presidente cinese Xi Jinping all’Onu.

Lucia Giannini