AFRICA. Anno di elezioni per l’Africa Orientale

227

Burundi, Etiopia, Somalia e Tanzania dovrebbero tenere le elezioni nel 2020. Vediamo la situazione in una panoramica

Etiopia

L’Etiopia, il secondo Paese più popoloso dell’Africa, sono previste quest’anno le prime elezioni democratiche in oltre un decennio. Le riforme e le aperture del primo Ministro premio Nobel per la Pace, Abiy Ahmed potrebbero servire a indebolire le prospettive dell’opposizione nelle elezioni di luglio. A livello economico, la Banca nazionale etiope ha previsto che il Paese è tornato a crescere. Le sfide politiche di Abiy rimangono nelle tensioni in diverse regioni del paese: Abiy deve affrontare la politica interna di Oromo, il dilemma del Tigray, le richieste di diversi gruppi etnici, tra gli altri problemi. Deve anche gestire gli interessi regionali, come la disputa con l’Egitto per la diga Gerd

Burundi

Nel dicembre 2019, il presidente burundese Pierre Nkurunziza ha dichiarato che quest’anno non si candiderà per la rielezione nel sondaggio del Paese. Cinque anni fa, il presidente ha cambiato i limiti del mandato costituzionale per candidarsi di nuovo; nonostante la sua dichiarazione che non si sarebbe più candidato, l’opposizione nel Paese è scettica. Il partito di Nkurunziza, il Cndd-Fdd deve ancora nominare un candidato per sostituire l’attuale presidente, a pochi mesi dalle elezioni, previste per il 20 maggio. Un referendum del 2018 ha cambiato le leggi del Burundi per consentire un mandato di sette anni, e fornisce un modo semplice per Nkurunziza di rimanere in carica per un altro decennio e mezzo.

L’opposizione come il Mouvement pour la Solidarité et la Démocratie, Msd, dubita della promessa di Nkurunziza di ritirarsi anche a causa delle violenze e delle violazioni dei diritti umani che hanno fatto seguito alle ultime elezioni del 2015. Chiunque sarà presidente del Burundi nel 2020 dovrà affrontare molte questioni interne e regionali. Gli eventi nella parte orientale della Rdc alla fine del 2019 hanno aumentato il rischio per la sicurezza interna del Burundi, così come il numero di rifugiati in fuga nel Paese. 

Tanzania

In Tanzania, le riforme del governo del presidente John Magufuli, la leadership pesante e le mosse dittatoriali del presidente, gli hanno fatto guadagnare inizialmente il suo sostegno in patria e all’estero. Un sondaggio d’opinione del 2018 ha rilevato che la popolarità del presidente tanzaniano è diminuita notevolmente in due anni, passando dal 96% quando è stato eletto nel 2016, al 71% nel 2017 e al 55% nel 2018. Il governo tanzaniano, prevedibilmente nell’era magufuliana, ha minacciato di prendere “azioni appropriate” contro il sondaggista. Le elezioni presidenziali, parlamentari e locali di Tanzania e Zanzibar sono previste per il 4 ottobre.

Somalia

Le elezioni del 2020 in Somalia, previste per dicembre, sono probabilmente le più importanti dell’Africa orientale e del Corno d’Africa nel 2020. La Somalia sta tenendo le prime elezioni a suffragio universale da cinquant’anni, ma è anche l’epicentro dell’attività militante islamica nella regione, della competizione regionale e dello Stato del Golfo e un obiettivo primario delle operazioni antiterrorismo del Comando dell’Africa degli Stati Uniti, Africom. Nel 2019, l’Africom ha condotto almeno 60 attacchi aerei contro Al-Shabaab e i militanti Daesh.

Rimane inoltre irrisolta la disputa sui confini terrestri tra il Somaliland e il Puntland, entrambe regioni autogovernanti della Somalia. La controversia ha portato a un conflitto armato all’inizio del 2018 e il rischio che si riaccenda di nuovo in un anno elettorale non è molto alto, riporta The Africa Report.

Maddalena Ingroia