AFGHANISTAN. Riyadh e Dubai faranno la differenza nei rapporti con Kabul

105

Il ministro degli Esteri delle Maldive Abdulla Shahid sarà il presidente eletto della 76esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e si sta preparando per il suo nuovo compito viaggiando in vari paesi e raccogliendo opinioni sulla diplomazia mondiale.

Come rappresentante di un paese musulmano, Shahid comprende il ruolo chiave che possono giocare le nazioni islamiche alla luce di ciò che sta accadendo in Afghanistan. Shahid ha spiegato che potenti paesi arabi/musulmani come l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti avranno un ruolo chiave in Afghanistan e in altre questioni regionali, riporta Arab News.

«Parlo regolarmente con i ministri degli esteri dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti (…) Solo la settimana scorsa ho parlato con Sua Altezza il principe Faisal bin Farhan bin Abdullah delle basi della piattaforma presidenziale, che assumerò a metà settembre, e anche delle rispettive questioni bilaterali. Abbiamo ottime relazioni non solo a livello governativo, ma anche tra i nostri rispettivi popoli, e si stanno stabilendo sempre più legami economici. Vedo molte cose positive tra noi. Le Maldive godono di relazioni eccellenti ed eccezionali con entrambi i paesi», ha detto Shahid, che attualmente è in visita in Giappone.

Tokyo, proprio come le Maldive, è un attore chiave nella regione dell’Indo-PacificO: «Quando si guarda una mappa dell’Oceano Indiano, si può descrivere le Maldive come se fossero nel cuore dell’Oceano Indiano (…) Le principali linee di comunicazione tra Oriente e Occidente passano dalle Maldive (…) Ci coordiniamo con i paesi della regione dell’Oceano Indiano e con quelli che sono presenti nell’Oceano Indiano per garantire la pace e la sicurezza e il conseguente sviluppo».

Le Maldive stanno soffrendo della pandemia globale di COVID-19: «Alla fine di marzo 2020, siamo stati costretti a chiudere le nostre frontiere, e per un paese altamente dipendente dal turismo siamo diventati un paese a basso reddito in una notte». Shahid ha detto di essere grato per l’assistenza economica dei paesi del G7 e del G20, e di partner come l’Arabia Saudita, gli Eau e l’India. Le Maldive hanno preso misure rigorose per permettere la ripresa delle operazioni turistiche.

«Abbiamo isole e ogni hotel è su un’isola separata, e con protocolli molto rigorosi all’aeroporto siamo in grado di portare i turisti dall’aeroporto direttamente all’isola. Di conseguenza, c’è un ambiente sicuro per il turismo (…) Siamo di nuovo sulla strada della ripresa e abbiamo un tasso di vaccinazione molto alto – circa l’83% della popolazione ha avuto la sua prima dose».

Lucia Giannini