USA. Washington manda ancora navi nel Mar Cinese Meridionale

115

Un cacciatorpediniere della Marina americana ha effettuato il 10 agosto una “crociera” per ribadire la “libertà di navigazione” nel Mar Cinese Meridionale, avvicinandosi alle 12 miglia nautiche da un’isola artificiale costruita dalla Cina nel Mar Cinese Meridionale.

L’operazione è venuta quando l’amministrazione del presidente Donald Trump chiede la cooperazione cinese nei confronti dei programmi missilistici e nucleari della Corea del Nord e una simile mossa potrebbe complicare gli sforzi per garantire una posizione comune, riporta Reuters.

La Uss John S. McCain ha viaggiato vicino a Mischief Reef nelle isole Spratly, tra una serie di isole, barriere coralline e banchine. La Cina ha dispute territoriali con i suoi vicini nella zona.

Era la terza crociera in “libertà di navigazione” condotta durante la presidenza di Trump.

L’operazione Usa è stata l’ultima in ordine di tempo tentativo di contrastare ciò che Washington considera come tentativi di Pechino di limitare la libertà di navigazione nelle acque strategiche ed è stata compiuta mentre Trump sta cercando la cooperazione della Cina per frenare la Corea del Nord. Le tensioni sono aumentate recentemente dopo che la Corea del Nord ha effettuato due test nucleari lo scorso anno e due test Icbm lo scorso mese, causando nuove sanzioni delle Nazioni Unite che hanno fatto arrabbiare Pyongyang che ha minacciato di insegnare agli Stati Uniti una “lezione grave”.

Il segretario alla Difesa americano Jim Mattis ha lanciato un avvertimento alla Corea del Nord il 9  agosto dicendo a Pyongyang che dovrebbe interrompere qualsiasi azione che porterebbe alla «fine del suo regime e alla distruzione del suo popolo».

L’amministrazione di Trump si è impegnata a condurre operazioni più robuste del Mar Cinese Meridionale.

Le pretese della Cina sul Mar Cinese Meridionale, attraverso le quali passano circa 5 trilioni di dollari di scambi commerciali navali ogni anno sono messe in discussione da Brunei, Malesia, Filippine, Taiwan e Vietnam.

Tommaso dal Passo