TURCHIA. Putin in Turchia per l’inaugurazione di TurkStream

112

Il presidente russo Vladimir Putin visiterà Istanbul il 19 novembre per una cerimonia che segna il completamento della sezione marittima del progetto del gasdotto TurkStream.

Il progetto prevede la costruzione di un gasdotto composto da due linee, ciascuna con una lunghezza di 930 chilometri e con la capacità di portare 15,7 miliardi di metri cubi di gas all’anno.

«Il presidente russo Vladimir Putin parteciperà alla cerimonia di chiusura della costruzione della sezione marittima del gasdotto TurkStream (…) L’evento avrà luogo a Istanbul il 19 novembre», ha detto Yury Ushakov, funzionario del Cremlino ripreso da Izvestiya. Ushakov ha detto che anche il presidente Recep Tayyip Erdoğan parteciperà alla cerimonia.

TurkStream è un gasdotto di esportazione senza transito che si estenderà attraverso il Mar Nero dalla Russia alla Turchia e si estenderà ulteriormente fino ai confini della Turchia con i paesi europei vicini. La prima linea è destinata alle forniture di gas ai consumatori turchi, mentre la seconda fornirà gas all’Europa meridionale e sudorientale, riporta il Daily Sabah.

Gazprom sta progettando di iniziare la costruzione della sezione terrestre del secondo gasdotto TurkStream nel 2019; il progetto dovrebbe essere completato entro la fine del 2019 come previsto, secondo Anadolu. Il trasporto del gas naturale durerà circa 52 ore da Anapa, Russia, fino a Kıyıköy, provincia di Kırklareli nella Turchia nordoccidentale. La sala di controllo dove sarà monitorata la trasmissione del gas naturale sarà situata presso la sede centrale della società di progetto TurkStream ad Amsterdam, Paesi Bassi.

Secondo le informazioni fornite dalle autorità di TurkStream, il progetto è stato concepito per funzionare per almeno 50 anni. La prima linea ha raggiunto la costa turca alla fine di aprile, dopo 930 chilometri di condutture offshore in acque profonde che vanno da Anapa (Russia) a Kıyıköy (Turchia).

La prima linea di TurkStream trasporterà 15,75 miliardi di metri cubi di gas naturale in Turchia. Il progetto avrà una capacità di trasporto totale di 31,5 miliardi di metri cubi con la seconda linea che andrà in Europa.

La Russia sta valutando la possibilità di estendere il gasdotto attraverso la Bulgaria e la Serbia o attraverso la Grecia e l’Italia. Dopo i colloqui con il primo ministro italiano Giuseppe Conte a Mosca a fine ottobre, il presidente russo Putin ha detto ai giornalisti che stavano esaminando tutte le opportunità, compreso il collegamento dell’Italia a TurkStream attraverso Bulgaria, Serbia, Ungheria e Grecia.

Alla fine di ottobre, il ministro serbo delle Miniere e dell’energia Aleksandar Antic ha dichiarato che la Serbia è pronta ad aderire al progetto del gasdotto TurkStream. Aveva detto che la costruzione del gasdotto sarà presto completata, e l’adesione della Serbia al progetto sarebbe stata una grande opportunità per migliorare la sicurezza energetica sia per la nazione che per la regione. 

Anna Lotti