COREA DEL SUD. Kim Jong un visita la fabbrica degli ICBM

48

Kim Jong Un e il suo “probabile successore” Ju Ae hanno visitato una fabbrica di veicoli di lancio mobili per missili balistici intercontinentali, Icbm, una mossa che segnala un forte impegno a incrementare la produzione di questi veicoli.

Il leader nordcoreano Kim Jong Un e la sua “figlia rispettata” Ju Ae “hanno fatto una visita presso un’importante fabbrica di produzione di veicoli militari”, ha detto venerdì 5 gennaio l’agenzia di stampa centrale coreana Kcna.

Kim e la figlia, accompagnati da importanti funzionari del partito al potere, tra cui la sorella Kim Yo Jong, hanno osservato “vari veicoli militari prodotti nella fabbrica, acquisendo una comprensione dettagliata del loro stato di produzione”, ha aggiunto Kcna, ripresa da Rfa.

Le foto pubblicate da Kcna mostrano la leadership nordcoreana davanti ai veicoli di lancio mobili, che potrebbero essere equipaggiati per lanciare il suo ultimo missile balistico intercontinentale, l’Hwasong-18.

L’uso di trasportatori erettori complica la capacità degli Stati Uniti e dei loro alleati regionali di effettuare attacchi preventivi, poiché queste piattaforme mobili offrono maggiore occultamento e mobilità per gli schieramenti missilistici.

«Questa fabbrica occupa una posizione estremamente importante e svolge un ruolo fondamentale nello sforzo storico di rafforzare la nostra difesa nazionale. Nell’attuale grave situazione, in cui dobbiamo essere più risolutamente preparati allo scontro militare, il contributo di questa fabbrica alle nostre capacità di difesa è di fondamentale importanza», ha affermato Kim Jong Un.

La Corea del Nord deve inoltre modernizzare ulteriormente la propria capacità militare, ha aggiunto il leader nordcoreano.

Il messaggio del leader nordcoreano è arrivato mentre gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno iniziato le loro prime esercitazioni militari congiunte per quest’anno, coinvolgendo la risorsa dell’aeronautica americana, Rivet Joint, un aereo da ricognizione progettato per la raccolta di informazioni.

Va sottolineata l’importanza del fatto che Ju Ae accompagni il leader; la sua presenza nelle strutture militari sottolinea uno specifico messaggio simbolico: “Ciò indica che l’impegno a rafforzare la difesa nazionale persisterà, aderendo alla dottrina secondo cui rafforzare la difesa è un dovere della stirpe di Baekdu”, riporta Rfa.

La linea di sangue Baekdu, che prende il nome dalla montagna più alta della Corea del Nord, Baekdu, si riferisce al lignaggio della famiglia Kim, come leader ereditari del paese.

Secondo l’agenzia di spionaggio sudcoreana vedere Ju Ae con Kim Jong un la indica come il “probabile successore” della Corea del Nord, segnando la prima volta che l’agenzia ha ufficialmente indicato la sua possibile successione al potere.

A novembre 2023, la figlia ha ricevuto il nuovo titolo ufficiale di “Stella del mattino della Corea” – un apparente e deliberato parallelo con il leader fondatore del paese Kim Il Sung.

La figlia di Kim Jong un, nata nel 2013, ha iniziato a fare apparizioni pubbliche dal novembre 2022, accompagnandolo in varie occasioni, inclusa la visita ai siti di lancio dei missili. 

Luigi Medici 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/