TURCHIA. La crisi della lira è economica, non diplomatica

159

Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha detto che un attacco all’economia turca non è diverso da uno attacco contro la sua bandiera o un attacco alla preghiera islamica. In un discorso pre-registrato per celebrare i quattro giorni del festival Eid al-Adha, che inizia il 21 agosto, Erdoğan ha detto che lo scopo della crisi valutaria era quello di mettere «la Turchia e il suo popolo in ginocchio».

Secondo quanto riporta Reuters, la lira turca è crollata di circa il 40 per cento quest’anno, alla luce della politica monetaria e da una crescente frattura diplomatica con gli Stati Uniti; il sell-off si è diffuso su altre valute dei mercati emergenti e sulle azioni globali nelle ultime settimane. Ma anche se le tensioni politiche hanno contribuito alla crisi valutaria, non si può dimenticare che la fiducia nel modello di crescita della Turchia si è deteriorata dal 2013 a causa della sua incapacità di affrontare gravi problemi strutturali, riporta Asia Times. In sostanza, dall’inizio del suo mandato nel 2002, Erdoğan ha perseguito un modello di crescita trainato dal debito e basato su fondi esteri.

A prima vista, la crescita del paese è sembrata impressionante, con una media del 5% nell’ultimo decennio e un picco dell’11,1% nel 2011. Nel 2017 il prodotto interno lordo è cresciuto del 7,4%. Ma il rovescio della medaglia è un debito estero di 466 miliardi di dollari, pari al 60% del Pil, di cui il 70% è detenuto dal settore privato.  

La Turchia presenta inoltre un disavanzo delle partite correnti pari a quasi il 10% del Pil, uno dei peggiori al mondo, in quanto il settore delle esportazioni dipende dalle importazioni di beni intermedi. Oltre alle pressioni sui pagamenti, i flussi di capitali in entrata sono stati utilizzati per finanziare gli investimenti nei cosiddetti settori non produttivi, come l’edilizia, piuttosto che per le esportazioni. Il modello sembrava funzionare bene quando le banche centrali mondiali stavano versando liquidità sui mercati finanziari internazionali per attenuare l’impatto della crisi finanziaria del 2008. Dal 2013, tuttavia, la Federal Reserve statunitense e la Banca centrale europea tagliano l’offerta di moneta e allentano i tassi di interesse; la Turchia non si è preparata ad affrontare gli inevitabili rischi legati all’aumento del costo di finanziamento del disavanzo con l’estero.

La Banca centrale di Turchia e l’Agenzia di regolamentazione e vigilanza bancaria sono state costrette ad azioni di retroguardia dopo che la lira aveva toccato il minimo storico di 7,3 dollari, pompando più liquidità nelle banche e limitando le operazioni di swap in valuta. La lira ha riacquistato parte delle sue perdite, attestandosi a 5,83 dollari.

Ma Erdoğan legge ancora la situazione in termini diplomatici, piuttosto che economici: la Turchia è sotto attacco da parte di uno dei suoi alleati più stretti. La settimana scorsa il Presidente ha avvertito che la Turchia potrebbe essere costretta a cercare altri partner a meno che l’amministrazione Trump non tolga le sanzioni. La Turchia ha bisogno di 236 miliardi di dollari solo per finanziare il disavanzo delle partite correnti e il debito estero nel 2018. L’annuncio dell’investimento di 15 miliardi di dollari del Qatar ha avuto un impatto positivo sulla lira, molto utile a breve termine.

La crisi valutaria ha già imposto un pesante tributo ma l’interesse sulle obbligazioni biennali della Turchia è salito al 28% dopo l’intervento valutario. L’inflazione dovrebbe raggiungere il 20% entro la fine dell’anno. Da gennaio il salario minimo ha perso l’85% del suo valore, scendendo da 425 a 240 dollari. Il debito estero del settore privato in lire è aumentato del 20% dall’inizio di agosto.

Lucia Giannini