SIRIA. ISIS risorge mentre gli USA si ritirano 

89

I piani degli Stati Uniti per mantenere solo una forza residua potrebbe avere una serie di conseguenze, tra cui dare nuova vita allo Stato Islamico.

I dubbi, sollevati in un rapporto dell’Ispettore Generale del Dipartimento della Difesa arrivano mentre Washington ha lottato per assicurarsi ulteriori aiuti sul terreno in Siria da parte degli alleati e in mezzo a nuovi avvertimenti che, mentre Daesh può aver perso il controllo del suo califfato, i combattenti del gruppo sono ben lungi dall’essere sconfitti.

Alcune delle critiche più forti per quello che il rapporto descrive come il “ritiro parziale” di Washington dalla Siria arriva dai funzionari della Combined Joint Task Force-Operation Inherent Resolve, Cjtf-Oir, il comando responsabile della supervisione degli Stati Uniti e degli sforzi di coalizione contro lo Stato Islamico: «Secondo il Cjtf-Oir, la riduzione delle forze statunitensi ha diminuito il sostegno disponibile per le forze partner siriane in un momento in cui le loro forze hanno bisogno di più addestramento e attrezzature per rispondere alla rinascita dI Isis, ha scritto il vice ispettore generale capo Glenn Fine.

Inoltre, i funzionari della coalizione hanno detto all’ispettore generale che lo svantaggio potrebbe indurre le forze sostenute dagli Stati Uniti, comprese le forze democratiche siriane, Sdf, ad allontanarsi da Washington e cercare «partenariati e risorse alternative».

Cjtf-Oir ha avvertito che tali sviluppi potrebbero essere «dannosi per la missione degli Stati Uniti in Iraq e Siria». Il rapporto ha anche identificato altre carenze nella strategia della Casa Bianca e negli sforzi militari statunitensi in Siria e in Iraq.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato per la prima volta il ritiro degli Stati Uniti dalla Siria lo scorso dicembre via Twitter. Ma l’annuncio ha scatenato divisioni significative all’interno dell’amministrazione, soprattutto da parte dei militari, spingendo infine l’allora segretario alla Difesa Jim Mattis a dimettersi. Più tardi, il comandante uscente delle forze militari statunitensi in Medio Oriente, il generale Joseph Votel, ha detto ai legislatori che non gli è mai stato chiesto nemmeno un consiglio: «Non sono stato consultato», aveva detto durante un’apparizione al Congresso lo scorso febbraio.

Nonostante le preoccupazioni, il Pentagono ha proceduto con un ritiro ordinato della maggior parte dei 2.200 uomini in Siria. Ma da allora, ci sono stati numerosi avvertimenti che la presa sulla Siria di Isis rimane forte.

«La rete segreta delle SI nella Repubblica araba siriana si sta diffondendo, e si stanno creando cellule a livello provinciale», ha avvertito la settimana scorsa un rapporto delle Nazioni Unite, aggiungendo che il gruppo terroristico «si sta adattando, consolidando e creando le condizioni per un’eventuale rinascita nel suo cuore iracheno e siriano».

Inoltre, secondo le stime statunitensi, il numero di combattenti e sostenitori Isis in Siria e nel vicino Iraq è compreso tra 14.000 e 18.000. Ma i funzionari degli Stati Uniti e della coalizione si preoccupano che il ritiro parziale ha reso più difficile per loro e per le forze partner tenere traccia dell’attività del Califfato.

Secondo il nuovo rapporto, il ritiro degli Stati Uniti è arrivato quando le forze partner avevano bisogno di più «formazione e attrezzature per costruire la fiducia con le comunità locali e per sviluppare l’intelligence umana necessaria per affrontare le cellule dormienti Isis e le capacità dei ribelli in Siria».

Maddalena Ingrao