RUSSIA. Esercitazione anti DAESH a San Pietroburgo

79

di Redazione RUSSIA – San Pietroburgo 10/12/2016. Un collegio medico al di fuori di San Pietroburgo è stato teatro di una “esercitazione anti-terrorismo” a sorpresa il 3 dicembre. Un gruppo di individui armati e mascherati è entrato nella scuola fingendo di essere terroristi. Una donna del gruppo indossava falso un giubbotto suicida. Secondo quanto riportato su Vkontakte, né gli studenti né la facoltà del Collegio Medico Tikhvinsky erano  stati avvertiti in anticipo, e molti hanno credito davvero che i terroristi avevano effettivamente preso la scuola.

«La gente era in stato di shock», si legge in rete, «Alcuni sono andati in crisi isterica. Hanno messo gente contro un muro, e non hanno lasciato che usassero i loro telefoni. Quando una ragazza si è rifiutata di spegnere il suo telefono, hanno messo una pistola alla testa di un altro studente e hanno detto che avrebbero sparato, se non lo avesse fatto», riporta The Moscow Times.
Secondo il tabloid russo Zhizn (Vita), le esercitazioni sono state condotte dall’organizzazione militare-patriottica Patriot e dal Centro di Istruzione e addestramento Grazhdanin, organizzazione creata dal governo regionale locale.
Secondo quanto riporta Zhizn, l’amministrazione del collegio aveva notificato agli studenti prossime “misure di prevenzione della sicurezza”, senza rivelare ulteriori dettagli. Nelle intenzioni, queste simulazioni sono stati pensate per far familiarizzare i giovani con metodi utilizzati da gruppi come lo Stato Islamico. Inoltre chi è passato attraverso simili esperienze e si spaventa di certo, non andrà sui social media per cercarli. Secondo Radio Baltika, infine, la procura locale è già stata nel collegio per condurre un’indagine preliminare, in risposta ai post on-line; ma il governo regionale dice di aver ricevuto solo “recensioni favorevoli” sull’esercitazione.