Parigi verso l’islamofobia?

35

FRANCIA – Parigi. 18/08/13. I musulmani in Francia temono l'”islamofobia”. A dare l’allarme gli stessi gruppi musulmani francesi.

L’arresto di un soldato francese sospettato di pianificare un attacco contro una moschea ha colpito un Paese in cui vi è una crescita del numero di incidenti anti-musulmani negli ultimi anni. I leader delle organizzazioni musulmane hanno messo in guardia circa il rafforzamento della “islamofobia” in Francia, dove il governo è impegnato a reprimere l’estremismo, in qualsiasi forma. Queste dichiarazioni hanno seguito l’arresto del soldato il 11 agosto con l’accusa di preparare un attacco contro una moschea alla periferia della città di Lione.

Secondo il rapporto preliminare, il ragazzo di 23 anni, sospetto, di stanza alla base locale Air Force, aveva progettato un attacco armato contro una moschea durante la fine del mese sacro del Ramadan. Il Ministero degli Affari Interni della Francia, ha detto che il sospetto è «vicino a estremisti di destra». Il sospetto era stato precedentemente accusato nella attacco alla moschea.

Dopo l’arresto, l’imam della Grande Moschea di Lione Kamel Kabtani, ha esortato il governo a confrontarsi con la paura dei musulmani. – «Questa è una piaga che deve essere sradicata. Perché non possiamo nominare una commissione parlamentare contro l’islamofobia – prima trovare le ragioni di islamofobia, e poi vediamo come possiamo combatterla? -. Afferma».

«Lottare contro ogni forma di violenza, ispirate alle ideologie più estremiste che minano i valori della Repubblica» ha affermato il ministro dell’Interno Manuel Valls che ha più volte dichiarato la sua determinazione sostenere la commissione contro l’islamofobia (CCIF) presso il Consiglio francese di musulmani. Ed ha anche dichiarato che negli ultimi anni è aumentato in modo significativo il numero di relazioni sulle azioni e le minacce contro i musulmani.

«Purtroppo, vediamo un po’ di ultra-banalizzazione di idee che si diffondono tra i soliti partiti e poi copiato da semplici cittadini. La gente sta cominciando a discriminare, abusare, e, purtroppo, ad usare l’aggressione fisica», – ha detto il rappresentante di CCIF Mapvan Maometto Azattyk. Il comitato MESI ha riportato 108 casi nel primo semestre dell’anno, pari al 35 per cento in più del numero di casi del precedente anno.

La relazione Comitato riferisce di attacchi incendiari e insulti verso i musulmani. Un gran numero di incidenti si è verificato nelle zone in cui i cittadini sono stati impegnati in questioni di routine, come ad esempio le istituzioni pubbliche, e la maggior parte degli incidenti sono stati compiuti contro le donne con il velo.