COREA DEL SUD. Ridotte le previsioni di crescita di Seul

125

La Banca di Corea ha mantenuto invariato il suo tasso di riferimento a 1,5% per l’undicesimo mese consecutivo il 18 ottobre, tagliando anche le previsioni di crescita per il 2018 dal 2,9% al 2,7%.

La decisione e la stima della Bok è arrivata mentre una serie di problemi si ripercuotono sulla quarta maggiore economia asiatica. Dal punto di vista interno, i dati economici della Corea del Sud sono in calo. Gli investimenti in impianti sono diminuiti per sei mesi consecutivi, il calo più lungo dalla crisi finanziaria asiatica del 1997.

Nel frattempo, la crescita dell’occupazione è crollata a soli 17.000 posti di lavoro nel terzo trimestre, rispetto ai 101.000 del secondo trimestre. Anche i prezzi al consumo sono scesi al di sotto del tasso di inflazione obiettivo del 2%, riporta Yonhap. In un’area, tuttavia, si registra una pressione inflazionistica: i prezzi delle case. Esternamente, la Corea del Sud è un’economia dipendente dal commercio, e il congelamento dei tassi e il declassamento delle previsioni di crescita si verificano nell’escalation della guerra commerciale tra la Cina, il partner commerciale numero uno della Corea del Sud, e gli Stati Uniti, il suo partner commerciale numero due. La Banca dei regolamenti internazionali e il Fondo monetario internazionale hanno già lanciato avvertimenti sulla possibilità di una crisi finanziaria globale.

Un’altra minaccia esterna è all’orizzonte. Se la Federal Reserve degli Stati Uniti aumentasse il tasso d’interesse a dicembre, il divario di tasso tra Corea e Stati Uniti raggiungerà un punto percentuale, uno spread che potrebbe accendere il deflusso di capitali dalla borsa di Seul, di cui circa un terzo è detenuto da operatori stranieri.

La Bank of Korea ha anche corretto la sua stima di crescita per il 2019, passando dal 2,8% al 2,7%.

Inoltre, le prospettive di crescita della Bok per il 2018 sono inferiori alla previsione del Fmi, pari al 2,8%. Tuttavia, se una delle due previsioni si dimostrasse corretta, ci sarà un significativo rallentamento dal 3,1% registrato nel 2017, l’anno in cui Moon Jae-in è salito al potere.

Graziella Giangiulio