COREA DEL SUD. Flop del salario minimo. Riviste stime di crescita 

274

La politica del salario minimo di Moon Jae-in, in Sud Corea, non sta portando agli effetti desiderati anche perché la Corea del Sud, a causa della guerra commerciale Cina – Stati Uniti ha registrato una diminuzione dell’export, voce pesante nel PIL nazionale.

Anzi, al contrario, molti lavoratori stanno perdendo il lavoro perché i commercianti non si possono permettere di pagare i salari. Come, per esempio, succede nei piccoli ristoranti. Esercenti che, intervistati dei media locali, asseriscono che questo periodo è uno dei peggiori, dal punto di vista economico, degli ultimi 20 anni. 

Il presidente Moon Jae-in, durante la campagna elettorale dello scorso anno, ha vinto facendo propaganda per aumentarlo a 10.000 ($ 8,9) entro il 2020, e per questo è stato votato. Il 14 luglio il governo ha annunciato che aumenterà il salario minimo per il prossimo anno del 10,9% a 8.350 won, dopo un aumento del 16,9% quest’anno.

I piccoli imprenditori sono in tumulto per il drastico aumento del salario minimo, mentre non vi è alcuna garanzia per il reddito minimo degli imprenditori. Molti stanno lottando per sopravvivere.

Il numero di posti di lavoro nel settore all’ingrosso e al dettaglio, che comprende per lo più piccoli imprenditori, è sceso di 225.000 nella prima metà di quest’anno da un anno fa, secondo il Ministero delle Finanze. Nello stesso periodo i posti di lavoro nel settore alberghiero e della ristorazione sono diminuiti di 96.000 unità.

Gli economisti affermano che il ritmo di aumento del salario minimo è stato troppo rapido rispetto ad altri paesi come il Giappone, che ha un obiettivo di aumento annuo di circa il 3%.

«Gli aumenti del salario minimo sembrano troppo ambiziosi», ha detto Kwon Young-sun, economista senior di Nomura alla testata Nikkei Asia News. «Poiché l’aumento del salario minimo in Corea [del Sud] è stato molto più rapido che in Giappone, si stima che il salario minimo della Corea raggiungerà circa il 93% di quello del Giappone nel 2019», ha concluso Young-sun.

Nel frattempo la Corea del Sud ha abbassato le sue prospettive di crescita in un contesto di calo dell’occupazione e di rallentamento della performance economica.

Il Ministero della Strategia e delle Finanze ha detto che l’economia è destinata a crescere del 2,9 per cento quest’anno, inferiore alla stima iniziale del 3 per cento. Ha ulteriormente abbassato le prospettive di crescita al 2,8% per il prossimo anno.

«La situazione economica può peggiorare, se l’ansia nel commercio globale e mercati finanziari si diffondono a causa del conflitto commerciale tra Stati Uniti e Cina e se il sentimento del mercato e delle imprese non migliora», ha detto il ministro delle Finanze Kim Dong-yeon in un comunicato stampa il Martedì, ha riferito Yonhap.

Il governo aveva inizialmente stimato che il paese avrebbe visto un aumento dell’occupazione a 320.000 unità al mese, ma la crescita dell’occupazione è rimasta a circa 100.000 unità per cinque mesi consecutivi fino a giugno.

Il paese, fortemente dipendente dalle esportazioni, dovrebbe registrare un aumento delle esportazioni del 5,3% su base annua e un aumento delle importazioni dell’11% a causa dell’aumento dei prezzi del petrolio.

Antonio Albanese