Connessi per sbaglio

24

USA – Silicon Valley – Tutto vero, quello che la stampa aveva annunciato qualche giorno fa, ora è ufficiale: un bug ha infettato facebook, rendendo condivisi dati di 6 milioni di persone ignare.

 

A confermarlo la stessa azienda Facebook. Numeri di telefono e indirizzi email appartenenti a circa 6 milioni di utenti di Facebook sono stati impropriamente condivisi a causa di un bug software, a riferirlo l’AFP.Ma nessun pericolo, secondo rappresentanti del social network, nessun dato finanziario o di altro stato è stato rivelato agli altri, e ancora non vi è «alcuna prova che questo bug è stato sfruttato in maniera fraudolenta» ha scritto Facebook in una nota in materia di sicurezza. Aggiungendo che era «sconvolto e imbarazzato» dal problema tecnico.

Il danno dovrebbe essere circoscritto in quanto chi ha visto e condiviso informazioni già in passato doveva aver avuto contatti con l’utente interessato. Il tutto dovrebbe essere accaduto per via di un grossolano errore compiuto da un utente Facebbok mentre è andato a scaricare un archivio dal social network attraverso la funzione (DYI) . 

«Prendiamo la privacy delle persone sul serio, e ci sforziamo di proteggere le informazioni della gente per il meglio delle nostre capacità», ha detto, ma ha aggiunto: «Anche con una squadra forte, nessuna azienda può garantire il 100 per cento di prevenzione bug». 

Ha continuato: «Abbiamo concluso che circa 6 milioni di utenti di Facebook hanno indirizzi e-mail o numeri di telefono condivisi».

«Al momento abbiamo alcuna prova che questo bug è stato sfruttato maliziosamente, e non abbiamo ricevuto denunce da parte degli utenti o visto comportamenti anomali sullo strumento o sito per suggerire illeciti».