CINA. Tibet e Xinjiang: paradisi fiscali cinesi

115

Tibet e Xinjiang sono diventati la risposta della Cina alle Isole Vergini Britanniche, per le loro condizioni fiscali preferenziali.

È diventata una notizia da quando una serie di importanti nomi del cinema cinese hanno trasferito le loro imprese da Shangai a Lhasa. Riconosciuto come il centro spirituale ai piedi dell’Himalaya, Lhasa, tuttavia, è uno dei luoghi a più basso reddito in Cina con la sua economia fortemente dipendenti dall’agricoltura.

Dal momento che Pechino si sforza di rialzare l’economia del Tibet e dello Xinjiang, due zone interne turbate da fatti di violenza etnica, dalla povertà, alle regioni sono state assegnate politiche fiscali agevolate, nel tentativo di attirare investitori. In pratica un paradiso fiscale interno, riporta il South Morning China Post.

Grazie ad un pacchetto di agevolazioni fiscali, le società con sede in Tibet, sono soggetti ad un’aliquota d’imposta societaria del 15 per cento, ben al di sotto del tasso standard nazionale del 25 per cento. Il tax rate complessivo può scendere a partire dal 9 per cento a causa di altri incentivi concessi dai governi locali.
Il processo di approvazione per il trasferimento della sede societaria in Tibet non richiede molto tempo, riporta il giornale.

Più di recente, anche la città cinese di confine di Khorgos nello Xinjiang ha attirato l’attenzione da celebrità del cinema e di magnati della costa. La città nord-occidentale, a due passi al Kazakistan, è sede di aziende di produzione che hanno creato i recenti blockbuster cinesi e indiani.

Khorgos offre una piattaforma fiscale ancora più favorevole delle politiche e delle agevolazioni di Lhasa, il che rende il territorio più favorevole in termini di imposte preferenziali, secondo gli esperti del settore.
Khorgos, che è anche uno “Speciale zona di sviluppo economico” è in grado di fornire alle aziende redditi esentasse per i primi cinque anni dalla registrazione, oltre a concessioni sui dipendenti e sull’Iva.
Tuttavia, rimane una questione aperta, prosegue il giornale, come le economie in Tibet e nello Xinjiang potranno trarre beneficio dal loro regime fiscale speciale, poiché le aziende e industrie ad alta intensità di manodopera, come la produzione e il manifatturiero sono riluttanti a trasferirsi a causa dei costi di trasporto.

Graziella Giangiulio