CINA. Missili ipersonici verso Taiwan: Pechino si prepara all’invasione

214

Pechino sta intensificando la militarizzazione della sua costa sudorientale poiché si preparerebbe ad una possibile invasione di Taiwan. L’Esercito di Liberazione del Popolo sta potenziando le sue basi missilistiche, e avrebbe dispiegato il suo missile ipersonico più avanzato il DF-17 verso l’area.

«Il missile ipersonico DF-17 sostituirà gradualmente i vecchi DF-11 e DF-15 che sono stati impiegati nella regione sudorientale per decenni (…) Il nuovo missile ha un raggio d’azione più lungo ed è in grado di colpire i bersagli con maggiore precisione», riporta Business Insider India. Il DF-17, che ha una portata massima di 2.500 km, ha fatto la sua prima apparizione pubblica in occasione della sfilata del 1° ottobre dello scorso anno in occasione della 70a edizione della Festa Nazionale per l’anniversario della fondazione della Repubblica Popolare Cinese.

Le relazioni tra Pechino e Taipei sono peggiorate da quando Tsai Ing-wen del partito Indipendentista Progressivo Democratico, è stata eletta presidente nel 2016 e si è rifiutata di accettare il principio dell’unica Cina. Il dispiegamento di missili sulle coste delle province del Fujian e dello Zhejiang, in precedenza, aveva raggiunto il suo apice durante la presidenza del predecessore di Tsai, Chen Shuiban, dello stesso partito di Tsai.

I legami tra Taipei e Pechino hanno subito un’ulteriore tensione quest’anno, poiché Taipei si è avvicinata agli Stati Uniti e ha firmato una serie di accordi sulle forniture di armi, anche di missili Patriot, e un aggiornamento ai suoi F-16 Viper Jet. Le immagini satellitari mostrano che sia il Corpo dei Marines che le basi della Forza missilistica cinese nelle province del Fujian e del Guangdong si sono ampliate negli ultimi anni, secondo la canadese Kanwa Defence Review, con sede in Canada: «Le dimensioni di alcune delle basi missilistiche nel teatro orientale e meridionale sono addirittura raddoppiate negli ultimi anni, dimostrando che l’esercito cinese sta intensificando i preparativi per una guerra contro Taiwan».

Graziella Giangiulio