Cina: Cyberspace controllato

59

CINA – Pechino. 04/02/15. L’Amministrazione del Cyberspace della Cina (CAC) oggi ha vietato avatar internet e account “nascosti” che postano contenuti dannosi o sembravano essere istituzionali o di personaggi famosi invecenon lo erano. Fonte Xinhua net.

Il CAC ha emanato un regolamento in 10 articoli secondo cui gli avatar gli account non dovrebbero includere le informazioni che ha violato la Costituzione o le leggi del paese; non devono sovvertire il potere dello Stato; minare la sicurezza nazionale e la sovranità; o si creare rumormongering. Considerati contenuti dannosi: la promozione di culti e la diffusione di materiale pornografico o estremismo; e insulti o diffamazione verso altri. Il regolamento, che entrerà in vigore il 1 ° marzo, dice il CAC monitorerà tutti gli avatar e gli account registrati sui blog, microblog, servizi di messaggistica istantanea, forum online, le sezioni di commento e di altri servizi. «I fornitori di servizi Internet (ISP) saranno ritenuti responsabili per i contenuti illegali», si legge nel regolamento, aggiungendo che essi devono migliorare i loro servizi e la supervisione, e gestire tipoffs pubblici in modo tempestivo. Il regolamento ha confermato il diritto degli utenti di Internet di scegliere un nome di account personalizzato ma devono registrarsi con i loro veri nomi, secondo la normativa. Vietato l’uso di nomi fittizi e account con nomi di istituzioni o personaggi famosi, quelli che ci sono devono essere chiusi, mentre i contenuti illegali devono essere rimossi dagli utenti in un tempo stabilito, altrimenti saranno sospesi o cancellati. Il regolamento giunge dopo una serie di casi di Internet che violano gli interessi pubblici e individuali.
Xu Feng, capo dell’ufficio di Internet mobile della CAC, ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa oggi che alcuni account utilizzano nomi simili ai dipartimenti governativi o dei media ufficiali per diffondere false notizie. Alcuni account hanno nomi come Barack Obama e Vladimir Putin, mentre altri promuovono pubblicamente prostituzione, droga e gioco d’azzardo, Xu ha aggiunto. Il CAC ha detto nel mese scorso ha chiuso 17 account sulla piattaforma di messaggistica istantanea WeChat negli ultimi due mesi. Compresi quelli che sono stati mascherati da organizzazioni pubbliche o gruppi di media, come il Quotidiano del Popolo e il Partito comunista cinese, o la Commissione centrale per l’ispezione Disciplina di (CCDI) gruppi di controllo. Xu ha aggiunto che il regolamento dovrebbe rafforzare la regolamentazione di Internet, e gli ISP sono i principali obiettivi del regolamento. «Questo non limita gli utenti di Internet, invece, protegge i loro diritti legittimi», ha aggiunto Xu. Prima dell’entrata in vigore, gli ISP sono stati invitati a migliorare i loro meccanismi di servizio e supervisione, ha detto Xu, aggiungendo che il pubblico è stato invitato a partecipare alla trasmissione e informare le autorità di violazioni.

CONDIVIDI
Articolo precedenteI governi libici
Articolo successivoAnalisi dei media di ISIS