ALGERIA. Futuro politico ambiguo

229

La decisione di imprigionare ex alti politici in Algeria dopo la presidenza di Abdelaziz Bouteflika, non ha contribuito a placare le proteste, dove le folle sono tornate nelle strade, il 14 giugno, per chiedere l’allontanamento di tutto il regime algerino.

Venerdì scorso, il 17 ° giorno consecutivo ha coinciso con il 18 ° anniversario di una grande marcia verso la regione tribale del 14 giugno 2001, che è stata violentemente repressa e trasformata in rivolte. Da allora, le dimostrazioni sono state bandite ad Algeria. Il divieto è ancora in vigore, ma dal 22 febbraio la polizia algerina non è stata in grado di impedire il massiccio movimento di protesta senza precedenti nelle strade ogni venerdì e negli altri giorni.

Le strade della capitale algerina erano, il 14 giugno, piene di folla che gridava: «Ladri avete saccheggiato il paese»; questo viene una settimana dopo la decisione di mettere in prigione due ex primi ministri, Ahmed Ouyahia (66 anni), e Abdelmalek Sallal (70 anni). E come è successo dopo la dimissione di Bouteflika il 2 aprile, i manifestanti non si sono calmati ma continuavano a chiedere l’allontanamento di tutti coloro che hanno governato con il deposto presidente durante i suoi 20 anni al potere tra cui il presidente ad interim Abdel Qader bin Saleh, il primo ministro Nour Aldin Badawi e il capo di Stato maggiore dell’esercito algerino, Ahmed Gaïd Salah.

Da settimane, la magistratura algerina indaga su diversi uomini d’affari vicini al regime di Bouteflika con l’accusa di corruzione, alcuni dei quali sono stati imprigionati, come l’ex capo dell’organizzazione confindustriale Ali Hadad, mentre altri sono stati posti sotto il controllo giudiziario.

A seguito dell’annullamento delle elezioni presidenziali previste per il 4 luglio perché non c’erano candidati per eleggere un successore di Bouteflika, le autorità ad interim hanno chiesto un dialogo mentre i manifestanti, che chiedevano istituzioni transitorie, hanno rifiutato. I manifestanti rifiutano categoricamente che uomini vicini all’ex presidente abbiano la responsabilità di organizzare le nuove elezioni presidenziali.

Recentemente, la leadership dell’esercito algerino ha elaborato una roadmap in quattro punti per uscire dalla crisi politica del Paese. 

In un articolo intitolato Sulla legittimità del costituzionalismopubblicato sulla rivista dell’esercito algerino, la leadership militare ha confermato che l’uscita dalla crisi deve passare attraverso l’adesione alla legittimità costituzionale, serio dialogo tra le varie fazioni e la formazione di una commissione elettorale indipendente e l’elezione di un successore al presidente Abdelaziz Bouteflika, al più presto.

La rivista ha sottolineato anche che l’interesse dell’Algeria richiede l’adozione di un dialogo serio, proficuo e costruttivo per accelerare la ricerca di soluzioni appropriate che evitino che il paese entri in labirinti che renderebbero la situazione più complicata.

Inoltre, il presidente ad interim Abdelkader Ben Saleh ha invitato gli algerini, in un discorso, al dialogo per raggiungere il consenso sull’organizzazione delle elezioni presidenziali, dopo l’annullamento del Consiglio costituzionale. Mentre i partiti dell’opposizione, oltre a personaggi politici e militari noti, hanno proposto di passare a «un breve periodo di transizione, guidato da uomini e donne che non sono legati al regime».

«L’istituzione militare in Algeria aderisce alla costituzione fin dall’inizio e non accetta alcuna decisione al di fuori di esso», ha detto a Sputnik Arabic, l’esperto strategico algerino, Ahmed Karouch.

Karouch ha aggiunto che «l’istituzione militare ha promesso di sostenere le dimostrazioni fino a quando i manifestanti non avranno pienamente soddisfatto le loro richieste… Questo è ciò che lo mantiene per prevenire il caos nel paese».

Marwa Mohammed
Corrispondente dal Cairo