SANZIONI. Le banche russe tengono a gennaio e fanno profitto

115

Le banche russe hanno realizzato profitti per 3,4 miliardi di dollari a gennaio, il massimo mai registrato nel primo mese dell’anno, ma il settore bancario zoppica ancora per lo shock delle sanzioni estreme imposte lo scorso anno.

La Banca centrale russa ha ripreso a pubblicare i risultati bancari dopo un anno e ha riferito che le banche sono riuscite a chiudere lo scorso anno in piano nonostante un’estate da incubo, e sono tornate in attivo nei primi due mesi di quest’anno.

La Russia ha sfiorato una crisi finanziaria nei primi mesi dopo l’invasione dell’Ucraina e l’imposizione di sanzioni estreme che sono immediatamente seguite. Per il settore bancario una delle più dolorose sono state le sanzioni Swift imposte solo pochi giorni dopo che hanno provocato uno shock nel sistema finanziario, riporta BneIntelliNews.

I risultati russi mostrano che il settore bancario ha subito iniziato a perdere denaro, raggiungendo un picco di 900 miliardi di rubli, 11,7 miliardi di dollari, solo ad aprile. Complessivamente le banche hanno perso 1,7 trilioni di rubli, tra i mesi di febbraio e giugno prima che la situazione si stabilizzasse nuovamente. Nel momento peggiore, un quarto delle banche russe era in perdita.

L’ultima volta che le banche russe hanno guadagnato così poco è stato nel 2015, dopo l’annessione della Crimea e l’inizio dell’era delle sanzioni, nonché un concomitante forte calo dei prezzi del petrolio. Quindi il settore bancario ha guadagnato solo 114 miliardi di rubli di utile netto per l’intero anno. Ciò si confronta con il profitto medio annuo dal 2012 al 2021 di almeno 1 trilione di rubli.

Al Governatore della Banca centrale russa Ėl’vira Nabiullina è stato attribuito il merito di aver agito rapidamente per scongiurare il disastro e imposto rapidamente severi controlli sui capitali e prelievi drasticamente limitati dalle banche per prevenire le corse agli sportelli. Ha anche effettuato un aumento del tasso di 1.000 punti base solo pochi giorni dopo l’inizio della guerra che ha fermato il crollo del rublo. A maggio la fiducia stava tornando e il settore ha iniziato a riprendersi, e a luglio le banche sono tornate in attivo.

Su base cumulativa, le banche hanno impiegato tutto l’anno per recuperare i soldi persi nei primi sei mesi di guerra, ma il settore ha chiuso dicembre con un piccolo profitto cumulativo per l’intero anno di 203 miliardi di rubli.

Con l’inizio del nuovo anno il settore sembra tornare alla normalità. Le banche russe hanno guadagnato 258 miliardi di rubli a gennaio ma febbraio ha visto un rallentamento, con le banche che hanno guadagnato solo 35 miliardi di rubli, circa un quinto del risultato dello stesso mese nel 2020 e 2021 .

L’utile netto combinato delle banche russe è aumentato del 14% su base mensile a 293 miliardi di rubli (3,8 miliardi di dollari) a febbraio, ma è sceso di circa il 20% rispetto ai normali livelli prebellici.

«A febbraio, l’utile netto del settore è ammontato a 293 miliardi di rubli con un rendimento del capitale su base annua di oltre il 29%, che rappresenta un aumento del 14% rispetto al mese», ha affermato l’autorità di regolamentazione nel suo primo aggiornamento bancario dell’anno.

Parte del calo degli utili di febbraio è dovuto all’aumento della rivalutazione positiva della valuta sulla scia dell’indebolimento, pari a 140 miliardi di rubli.

Il livello del debito in sofferenza rimane modesto.

La Banca centrale si aspetta che il sistema bancario torni a operazioni più o meno normali quest’anno. L’utile netto combinato del settore bancario russo nel 2023 dovrebbe superare i mille miliardi di rubli, secondo Nabiullina in una valutazione preliminare del 2 marzo.

Quel risultato sarebbe ancora la metà dei 2 trilioni di rubli guadagnati dal settore bancario nel 2021, l’ultimo normale anno di attività.

Nabiullina ha anche previsto che i depositi dei russi presso le banche aumenteranno di poco più del 7% nel 2023, mentre i depositi delle imprese presso le banche cresceranno di circa il 15%. Tuttavia, la crescita dei prestiti alle imprese rallenterà al 10% nel 2023 dal 14% nel 2022 e dal 12% nel 2021.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/