AFRICA. Il Continente Nero è la nuova vittima della guerra commerciale Usa – Cina 

56

I mercati africani di Huawei potrebbero essere l’ultima vittima della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, con cadute nella quota di mercato degli smartphone del colosso tecnologico nel continente. Gli analisti hanno affermato che la mossa di Washington di inserire Huawei e le sue affiliate nella “lista di entità” del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti potrebbe aver danneggiato le vendite nel mercato in cui è entrata 21 anni fa.

Inserendo Huawei nella sua lista, gli Stati Uniti hanno impedito all’azienda di acquistare parti o tecnologia da aziende americane senza l’approvazione di Washington, sebbene quest’anno Huawei abbia ottenuto due periodi di grazia di 90 giorni. Secondo International Data Corporation, la quota di Huawei nel mercato degli smartphone è scesa all’8,7 per cento, dall’11,8 per cento precedente.

I concorrenti di Huawei come la China Transsion, che commercia in Africa con i marchi Tecno, Itel e Infinix, e la sudcoreana Samsung, hanno aumentato la loro quota di mercato nel periodo rispettivamente al 37,4% e al 27,4%. Mentre il ritmo del lancio del 5G in Africa è glaciale, Huawei serve oltre la metà del continente con 4G e ha costruito una presenza in 40 dei 54 stati da quando è arrivato in Kenya nel 1998. 

A maggio, la guerra commerciale con Huawei sono peggiorati quando Google, in linea con il governo degli Stati Uniti, ha impedito a Huawei di utilizzare la sua versione di Android sui suoi telefoni; successivamente, produttori di chip statunitensi come Intel, Qualcomm, Xilinx e Broadcom hanno dichiarato che avrebbero smesso di fornire Huawei.

A giugno, il gigante cinese ha firmato un accordo per rafforzare la sua cooperazione con l’Unione africana. Il mese scorso, Huawei ha protestato contro il Wall Street Journal dopo che il giornale sosteneva che aiutava i governi dell’Uganda e dello Zambia a spiare gli oppositori politici, affermazioni che Huawei ha negato. Anche se gli smartphone Huawei hanno sempre attratto i clienti a causa della loro convenienza comparativa rispetto a Samsung e Apple, il bando delle app Android li ha penalizzati profondamente. 

Ci vorrà del tempo prima che Huawei rilasci il sistema operativo Harmony, il sistema alternativo di Android e ancora di più prima che Harmony conquisti la base di sviluppatori di app necessaria per avere tassi significativi di consumo.

Ad agosto, a Huawei è stata data una seconda pausa di 90 giorni da Washington, che gli ha permesso di continuare a fare affari con aziende statunitensi. Ciò significa che i dispositivi Android di Huawei saranno supportati fino al 19 novembre.

Ma l’estensione non copre i dispositivi nuovi o futuri, incluso Mate 30, che non avrà una versione con licenza di Android o di nessuna delle app di Google.

Graziella Giangiulio