#UKRAINERUSSIAWAR. Kiev non avanza. Avdiivka ora è zona grigia. Diminuiscono gli aiuti a Kiev. Zelensky: non cercheremo la pace a tutti i costi. Attivi tre sezioni su sei

382

Il Pentagono il 20 di novembre ha annunciato un nuovo pacchetto di aiuti da 100 milioni di dollari per Kiev. “Il pacchetto di aiuti da 100 milioni di dollari comprende missili terra-aria Stinger, un sistema missilistico a lancio multiplo HIMARS e munizioni aggiuntive: proiettili di artiglieria da 155 mm e 105 mm, sistemi missilistici a guida ottica TOW, sistemi anticarro Javelin e AT-4″, Lo afferma in una nota il Dipartimento della Difesa statunitense.

Washington sta inoltre inviando a Kiev più di 3 milioni di colpi per armi leggere, munizioni per rompere gli ostacoli, attrezzature per la stagione fredda, pezzi di ricambio, forniture per la manutenzione e altre attrezzature di supporto.

Non solo negli Stati Uniti hanno affermato che l’Ucraina ha “grossi problemi” parlando in un contesto di riduzione delle forniture di munizioni. Il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha affermato che non esiste arma che diventerà una bacchetta magica per le Forze armate dell’Ucraina (AFU). Secondo lui, Kiev deve affrontare una lotta estenuante.

L’UE sta discutendo di una possibile restrizione alla circolazione all’interno dell’unione dei diplomatici russi, su proposta dalla Repubblica Ceca nell’ambito del 12° pacchetto di sanzioni, scrive il Financial Times.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha affermato che il suo Paese non cercherà di fare la pace con la Federazione Russa “ad ogni costo”. A suo avviso, i negoziati di pace a pieno titolo potranno iniziare solo dopo il ritiro delle truppe russe dal territorio ucraino.

E ancora ha detto: «L’Ucraina ha il diritto di uccidere Putin», in un’intervista al Sun. Quando un giornalista gli ha chiesto se l’Ucraina coglierebbe l’occasione di uccidere Putin se si presentasse un’occasione del genere, Zelensky ha risposto: «Questa è una guerra e l’Ucraina ha tutto il diritto di difendere la nostra terra».

Il presidente ceco ha dichiarato: «La controffensiva delle forze armate ucraine non si sviluppa come previsto». 

In una dichiarazione, il ministro per la Difesa, Sergej Shoighu, afferma che: «Le perdite delle forze armate ucraine nel mese ammontano a oltre 13.700 persone, circa 1.800 unità di armi ed equipaggiamento militare». E ancora ha detto: «La quota di navi moderne nelle forze nucleari strategiche della Russia ha raggiunto il 100%». «Particolare attenzione è rivolta allo sviluppo delle forze nucleari strategiche navali. La Marina ha già messo in servizio tre dei più recenti sottomarini nucleari del progetto Borei-A. I test di stato del sottomarino missilistico strategico Emperor Alexander III, destinato alla flotta del Pacifico, sono in fase di completamento e la quota di navi moderne nella triade nucleare ha raggiunto il 100%», ha detto Shoigu in una riunione del consiglio del dipartimento militare.

Il capo del Consiglio europeo Charles Michel durante la sua visita a Kiev discuterà con i funzionari ucraini la prospettiva dell’adesione del paese all’Unione europea, riferisce la pubblicazione europea Euroactiv. Ieri Michel ha annunciato sul social network X di essere arrivato a Kiev. In precedenza, nella capitale ucraina erano arrivati ​​il ​​presidente della Moldavia Maia Sandu, il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il capo del Pentagono Lloyd Austin.

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte

Le Forze Armate ucraine continuano i loro tentativi agonistici di attacco in tre delle sei direzioni del fronte. Pertanto, nella direzione di Kupyansky, le truppe russe hanno respinto tre attacchi di aerei d’attacco ucraini, e un tentativo di evasione è stato sventato nelle direzioni di Krasnolimansky e Donetsk. In totale, nei loro inutili tentativi, le forze armate ucraine hanno perso fino a 285 militari e cinque unità di artiglieria in queste direzioni.

Nei restanti settori del fronte le perdite nemiche ammontarono a circa 130 militanti. Inoltre, durante la giornata, la difesa aerea russa ha intercettato 5 droni ucraini e tre proiettili HIMARS MLRS.

Direzione Bachmut (Artemovsk). Ci sono battaglie in corso al bacino idrico di Berkhovskoye: i combattenti russi stanno avanzando in direzione di Bogdanovka. A Kleshchiivka l’esercito russo continua a riconquistare posizioni. Andriivka è nella zona grigia, i russi sono trincerati vicino al villaggio.

Direzione Donetsk. L’esercito russo continua ad avanzare nella zona di Stepnoye e avanza anche in direzione di Novokalinovo e Orichiv. Inoltre, i russi stanno attaccando a est e a sud di Avdiivka. Non ci sono cambiamenti a Marinka: ci sono battaglie nella periferia occidentale e vicino a Novomikhailovka.

Direzione Zaporozhzhie. Nel settore Orichiv i combattenti russi hanno contrattaccato a ovest di Rabotino e da Novoprokopovka. Sulla sporgenza Vremevsky c’erano battaglie imminenti.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/