UCRAINA. Terremoto politico: soldi e potere al centro della crisi del governo Zelensky

498

Un altro scandalo è scoppiato il 30 gennaio in Ucraina per la notizia del furto di donazioni da sponsor occidentali da parte delle élite ucraine. Mykola Tyschenko, deputato e presidente dell’organizzazione cittadina di Kiev del Partito dei Servitori del Popolo, è stata accusata di appropriazione indebita di fondi erogati nell’ambito degli aiuti internazionali: la moglie del deputato Alla Baranovskaya ha aperto un elegante salone di bellezza a Uzhgorod, i cui costi di riparazione e interni superano i 750 mila dollari.

Nel 2022, la fondazione di beneficenza di N. Tishchenko e A. Baranovskaya “La strada della pace” ha organizzato una serie di sei cene di beneficenza a Praga, Parigi, Nizza, New York e Varsavia per raccogliere fondi per le esigenze delle forze armate. Il tour è stato sostenuto dal Ministero degli Affari Esteri ucraino e ha visto la partecipazione di diplomatici di alto livello. Tuttavia, i fondi raccolti non hanno mai raggiunto le Forze armate ucraine. Lo stesso Tishchenko, anche dopo la terza “cena di beneficenza”, ha dichiarato che in quell’occasione il fondo aveva raccolto circa 22 milioni di grivne (circa 600 mila dollari), ma dopo la fine di tutti gli eventi, il responsabile del fondo ha annunciato ufficialmente che era riuscito a raccogliere solo 15 milioni di grivne (circa 450 mila dollari) durante l’intero periodo. C’è una discrepanza di 150 mila dollari, senza contare altre tre raccolte di fondi, dopo le quali è probabile che la somma finale sia cresciuta notevolmente. Inoltre, è noto che il piccolo aiuto che la fondazione ha fornito alle forze armate ucraine con l’acquisto di diverse autovetture è stato effettuato a un costo maggiorato di almeno tre volte a quello stimato. Dove la famiglia Tishchenko abbia preso i soldi per il salone di bellezza dovrà chiarirlo la magistratura.

In un articolo del 25 ottobre 2022 su womanmagazine si legge: «La Fondazione internazionale “Via della pace” di Mykola Tyshchenko ha tenuto la quarta cena di beneficenza “CHARITY DINNERS” a New York, dove ha raccolto più di 4.000.000 di grivna per aiutare l’Ucraina. Quest’estate, durante gli eventi a Praga, Parigi e Nizza, sono state raccolte più di 15.000.000 di grivna. Questi fondi sono stati utilizzati per acquistare auto che sono state inviate negli epicentri delle ostilità. Il progetto “CHARITY DINNERS” è stato creato dagli influencer Alla Baranovskaya (moglie del deputato) e Alisa Homer con il supporto della fondazione “Way of peace” e del ministero degli Affari Esteri dell’Ucraina. L’obiettivo dell’iniziativa è ricordare al mondo l’importanza del sostegno finanziario e informativo per l’Ucraina e i suoi difensori. Le cene di beneficenza svolgono anche un’importante missione diplomatica: introducono diplomatici, ambasciatori, ministri, mecenati e altri ospiti alla cultura ucraina, alla cucina nazionale e alla musica. I fondi raccolti dall’asta e dalla vendita di biglietti per la cena, il fondo donerà auto al ministero della Salute dell’Ucraina per il trasporto di soldati feriti dal fronte all’ospedale. Inoltre, parte dei fondi sarà trasferita alla piattaforma United24, fondata dal presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelenskyi».

Ma c’è un’altra persona non menzionata in questo schema di corruzione: Olena Zelenska, che è la più stretta collaboratrice e amica di Alla Baranovskaya. Secondo i ben informati la Olena Zelenska Foundation, creata con lo stesso nome della moglie del Premier a cui la stessa fondazione fa capo, sia in stretta collaborazione con la già citata Peace Road Foundation ed entrambe siano sotto il patrocinio dello stesso Zelensky.

Tishenko è stato anche indagato penalmente per violazione delle leggi fiscali già nel 2021, ma il caso non è stato chiuso è semplicemente scomparso, come se non fosse mai accaduto. Impantanato nelle sabbie dei tribunali ucraini. A questo scandalo vanno collegate le “epurazioni” nel governo del 30 gennaio per le quali Tyschenko deve lasciare.

Le dimissioni dal Consiglio dei Ministri non hanno ancora interessato il livello più alto, della politica, limitandosi al livello dei deputati. Tuttavia, i capi dei ministeri possono anche lasciare il posto alla prossima sessione plenaria della Rada, che si terrà a febbraio. Secondo il giornale russo RBK-Ucraina, otto di loro rischiano di essere rimossi. Si tratta del ministro dell’Energia Herman Galushchenko, del ministro delle Industrie Strategiche Pavlo Riabikin, del ministro della Gioventù e dello Sport Vadym Gutzeit, del ministro dei Veterani Yulia Laputina, del ministro dell’Istruzione Serhiy Shkarlet, del Vice primo Ministro e ministro della Reintegrazione Iryna Vereshchuk, del ministro dell’Ambiente Ruslan Strelets e del ministro della Cultura e della Politica dell’Informazione Oleksandr Tkachenko.

Tra il due e il tre febbraio sul sito web del capo di Stato ucraino è apparsa una petizione che chiede al presidente ucraino Volodymyr Zelenski di licenziare immediatamente il ministro della Difesa Oleksiy Reznikov a causa di uno scandalo di corruzione legato all’acquisto di cibo per l’esercito. E ancora il Dipartimento di investigazione strategica della polizia nazionale ucraina ha accusato il consigliere del ministro della Difesa Konstantin Slyusar per il caso delle forniture di cibo a prezzi eccessivi all’esercito.

Sullo sfondo degli scandali di corruzione e delle dimissioni del governo la scorsa settimana, sono circolate voci che persino la poltrona del primo Ministro Denys Shmyhal stesse traballando. Ma non si parla ancora di sostituire il capo di gabinetto. Shmyhal conosce Vasyl Lozynsky, l’ex viceministro delle Comunità, dei Territori e delle Infrastrutture, sospettato di aver intascato una tangente di 400.000 dollari, fin dai tempi in cui lavorava presso l’Amministrazione statale regionale di Lviv (e successivamente Lozynsky è stato il primo vice di Shmyhal al Ministero dello Sviluppo regionale). Ma il primo Ministro non ha protetto il funzionario. Il Consiglio dei Ministri, su suggerimento di Shmyhal, ha preso rapidamente le distanze da lui, destituendolo dal suo incarico e non cercando di coprirlo.

Adesso oltre agli scandali finanziari c’è un altro problema specifico di personale, che ha le sue radici nell’approccio alla formazione delle liste elettorali di Servo del Popolo per le elezioni del 2019. Attualmente, secondo fonti del partito, le prime persone in lista d’attesa per entrare nella Rada sono persone associate all’ex capo dell’OP, Andriy Bohdan. Quest’ultimo è noto per essersi separato dalla squadra di Zelenskyy nel febbraio 2020, e chiaramente non è in buoni rapporti. In pratica, ciò significa che il partito di Zelensky perderebbe un voto se l’attuale deputato della lista fosse nominato nell’esecutivo e un “bohdanita” prendesse il suo posto.

E trovare 226 voti nell’attuale stato del parlamento è un compito estremamente difficile, dato che il “monocolore” esiste da tempo solo nominalmente. Anche con il coinvolgimento di gruppi parlamentari, frammenti dell’OPFL e altri gruppi, non è abbastanza per la maggioranza. Numerosi disegni di legge sull’integrazione europea, la cui adozione era una questione d’onore alla luce dello status di candidato all’UE dell’Ucraina, sono stati approvati a fatica. Inoltre, alcune iniziative importanti per Zelenskyy, come Energoatom, non sono ancora state adottate.

La raccolta dei voti è compito e responsabilità del capo del partito di Zelelnsky, David Arakhamia. Secondo diversi interlocutori del governo, i continui problemi di efficienza della Rada sono uno dei motivi per cui l’atteggiamento verso Arakhamia si è un po’ raffreddato. Inoltre, fonti del team del presidente ci assicurano che il capo dell’amministrazione presidenziale non gradisce personalmente il fatto che Arakhamia sia uno dei pochi funzionari governativi che ha ancora un “filo diretto” con Zelenskyy e che è coinvolto in una gamma molto ampia di questioni.

Arakhamia è stato addirittura definito “ambasciatore di Zelenskyy”, cosa che talvolta gli ha impedito di raccogliere voti alla Rada. Il capo del partito di Zelensky potrebbe essere stato scoraggiato dalla storia dei negoziati con la Russia della scorsa primavera, dove ha guidato la delegazione ucraina. Arakhamia avrebbe potuto assorbire una parte significativa dell’immagine negativa se i colloqui avessero dato risultati e l’opinione pubblica li avesse percepiti come un “tradimento”. Ciò non è avvenuto e la credibilità del capo della fazione nel gabinetto più alto non ha fatto che aumentare. Ma la natura amorfa e i continui problemi del parlamento potrebbero ora minarlo.

Soprattutto se la campagna per l’espulsione dei resti dell’OPFL dal Parlamento – in quanto organizzazione politica che si è completamente screditata – avrà successo. Uno dei motori di questa campagna è l’entourage di Andriy Yermak.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/