TURCHIA. Una madrasa di Istanbul addestrava di combattenti di Daesh

106

I foreign fighters dello Stato Islamico in Iraq e Siria si sarebbero rifugiati in una madrasa situata in un quartiere di Istanbul, e hanno usato la scuola religiosa come sede per incontrarne altri, tracciare le loro rotte verso la Siria e preparare attacchi.

Stando a quanto riporta Nordic Monitor, un processo di una cellula di Daesh in Turchia ha scoperto come i jihadisti provenienti da Russia, Uzbekistan, Azerbaijan e dalla regione cinese dello Xinjiang sono stati addestrati in una madrasa nel quartiere Sultanbeyli di Istanbul, dove il Partito di Sviluppo della Giustizia (AKP) ha una forte base politica. Il caso, che è stato avviato nell’ottobre 2016, coinvolge una mezza dozzina di combattenti che hanno operato dentro e fuori Istanbul, con alcuni che hanno viaggiato verso il confine turco-siriano. La maggior parte è stata rilasciata prima dell’inizio del processo, e che sis sono resi irreperibili. Quando la corte ha chiesto di localizzare i sospetti che erano in fuga, il Mit, l’agenzia di intelligence turca, ha affermato di non sapere dove si trovassero.

La testimonianza dei sospetti durante le udienze ha fatto luce su come i jihadisti si sono collegati in Turchia e sono stati indottrinati in una madrasa legalmente operante a Istanbul prima di unirsi a Daesh in Siria. Il caso sembrerebbe mostrare che le autorità turche fossero a conoscenza dei movimenti di Isis molto prima che il procuratore inquirente emettesse i mandati di arresto, ma hanno deciso di chiudere un occhio sulle loro attività fino a quando l’esercito turco è entrato in Siria e ha affrontato i combattenti di Daesh.

Un sospettato di nome Bunyod Babanazarov (alias Muslim), cittadino uzbeko di 31 anni, ha detto di essere venuto in Turchia nel maggio 2016 per frequentare la scuola del Corano e che è stato indirizzato a una madrasa a Sultanbeyli. Ha studiato alla madrasa, İhlas İlim, per tre mesi e poi si è trasferito in un appartamento a Pendik con altri sospetti, dicendo di essere un insegnante di sport. Babanazarov era coinvolto nel reclutamento di nuovi militanti, secondo l’accusa.

La cellula dell’ISIS era da tempo nota all’intelligence turca, che stava monitorando i movimenti Isis ma non ha agito fino a quando Babanazarov e Azizjon Bekraev, uzbeko di 28 anni, hanno attraversato la Turchia dalla Siria e si sono stabiliti a Istanbul, per compiere un attacco terroristico. Babanazarov si è arruolato come attentatore suicida con i leader dell’ISIS, secondo il rapporto dell’intelligence nei registri del dipartimento di polizia di Istanbul.

Sia Babanazarov che Bekraev hanno frequentato la stessa madrasa a Sultanbeyli e hanno vissuto nella stessa casa sicura dopo aver lasciato la madrasa. Bekraev, che era anche conosciuto con il nome di Zubeyr e lavorava nell’edilizia, gestiva la logistica per Isis e forniva alloggio ai militanti. La polizia ha trovato una scorta di video e foto di Daesh sul suo cellulare. È venuto in Turchia illegalmente nel 2015 e si è addestrato per due anni nella madrasa di Sultanbeyli.

Antonio Albanese