TURCHIA. Gas e Palestina al centro dei nuovi colloqui turco-israeliani

124

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Çavuşoğlu si recherà in visita in Israele il mese prossimo, mentre i due paesi fanno dei tentativi per ricucire le relazioni fratturate da oltre un decennio. La visita avrà luogo nella terza settimana di maggio, ha detto Çavuşoğlu a CNN Türk.

Le relazioni bilaterali, la questione palestinese, gli ultimi sviluppi in Medio Oriente e un progetto di gasdotto proposto saranno discussi durante la visita, ha detto il Ministro. Çavuşoğlu si recherà in Israele con il ministro dell’Energia Fatih Donmez il 24 maggio, ha poi fatto sapere Reuters.

Le relazioni tra Turchia e Israele hanno iniziato a rompersi nel 2010 dopo che i soldati israeliani hanno fatto irruzione in una flottiglia di aiuti umanitari diretta a Gaza, uccidendo dieci attivisti filopalestinesi a bordo della nave turca Mavi Marmara. I legami della Turchia con Hamas, designato come organizzazione terroristica da Israele, dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea, è stato un altro ostacolo fondamentale al ripristino dei rapporti diplomatici.

Il mese scorso, il presidente israeliano Isaac Herzog ha avuto colloqui con il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ad Ankara durante la prima visita di un capo di stato israeliano dal 2007. I due leader hanno espresso la loro volontà di migliorare le relazioni basate sul rispetto reciproco.

«La continuazione del dialogo sarà importante sia per i palestinesi che per la Turchia», ha detto Çavuşoğlu «Questo è il motivo per cui i palestinesi, non solo il presidente palestinese Mahmoud Abbas, ma anche Hamas, hanno detto che la normalizzazione delle relazioni Turchia-Israele è vantaggiosa per tutti loro», ha poi aggiunto Çavuşoğlu.

«Ma normalizzare le relazioni con Israele non significa che abbandoneremo la causa palestinese. Questo avvicinamento non sarà a sue spese», ha sottolineato il Ministro turco.

Çavuşoğlu ha detto che Dönmez si concentrerà sull’avanzamento dei piani per il progetto del gasdotto naturale durante i colloqui con i funzionari israeliani: «Possiamo approfittare di questa opportunità per realizzare questo progetto. Da quando la decisione sarà presa, il progetto sarà completato entro 4-5 anni», ha detto Çavuşoğlu. Il gasdotto sottomarino, concepito per la prima volta cinque anni fa, porterebbe il gas israeliano in Turchia e poi nei paesi dell’Europa meridionale, riporta Ahval.

Lucia Giannini