CINA. Droni e influenza geopolitica nelle mani dei Pechino

177

L’Algeria e l’Egitto sono le ultime nazioni destinate a ricevere i droni cinesi CH-5 e Wing Loong, vendite che sottolineano la strategia di marketing globale di Pechino, dopo che gli Stati Uniti hanno limitato le esportazioni di droni armati anche agli alleati a partire dal 2020.

L’Algeria ha recentemente confermato pubblicamente il suo ordine di sei droni CH-5 da consegnare nel marzo di quest’anno, mentre l’Egitto, alleato degli Stati Uniti, è in trattative con la Cina per ricevere più droni Wing Loong per la sua forza aerea.

Il drone CH-5 è analogo all’MQ-9 Reaper degli Stati Uniti, con più o meno le stesse dimensioni e la capacità di rimanere in volo portando sei missili per oltre 30 ore. Il Wing Loong cinese è anche un concorrente dell’MQ-9 statunitense, anche se è destinato principalmente alla ricognizione e alla sorveglianza. In servizio in Egitto, il Wing Loong ha già combattuto contro Daesh in Sinai, riporta AT.

I droni cinesi sono relativamente economici e le opzioni di pagamento spesso flessibili sono particolarmente attraenti per le nazioni con budget limitati per la difesa, dando a Pechino un punto d’appoggio competitivo nei mercati globali dei droni.

Le vendite di droni cinesi, così come di altre armi avanzate, sono guidate tanto da considerazioni strategiche e di politica estera quanto dal guadagno economico. Queste vendite possono anche essere interpretate come segni della sua crescente potenza politica, tecnologica e militare ai suoi partner e rivali.

Si ritiene che la Cina abbia tre interessi principali dietro le sue vendite di armi. In primo luogo, le vendite sono spesso un mezzo per un più profondo accesso politico e militare agli stati clienti, in quanto gli acquisti di armi ad alta tecnologia sono necessariamente transazioni di alto livello da governo a governo.

In termini di vendite di droni, la Cina può trattenere alcune tecnologie e know-how dai suoi clienti per renderli dipendenti per il supporto tecnico e la manutenzione. I droni cinesi in servizio all’estero sono anche in grado di trasmettere segretamente informazioni alle agenzie di intelligence cinesi. Come tale, la Cina può utilizzare i suoi droni come un efficace strumento di politica estera verso gli stati clienti che hanno risorse strategiche e luoghi critici per gli interessi della Cina, come Myanmar, Iraq, Pakistan, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, tra gli altri.

Myanmar e Pakistan sono nodi chiave nel progetto geostrategico cinese di costruzione di infrastrutture della Belt and Road Initiative (BRI), mentre l’Iraq, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti sono stati ricchi di petrolio che forniscono una percentuale significativa del fabbisogno energetico della Cina. Questi stati clienti cinesi hanno vincoli finanziari o politici che precludono loro l’acquisto di armi statunitensi o invece mirano deliberatamente a migliorare la loro indipendenza strategica diversificando i loro fornitori di armi.

In secondo luogo, le esportazioni di armi ad alta tecnologia della Cina possono aiutare a mantenere un equilibrio militare favorevole tra Stati clienti e rivali.

Le recenti vendite della Cina di jet da combattimento J-10C, fregate Type 054 e carri armati VT-4 al Pakistan rafforzano la minaccia che quest’ultimo rappresenta per l’India. Questo, a sua volta, distoglie l’attenzione strategica dell’India, le risorse militari e le risorse dalla sua disputa di confine con la Cina sull’Himalaya e torna verso il Pakistan, che Nuova Delhi percepisce come una minaccia più immediata.

I droni cinesi e l’artiglieria a razzo sono stati determinanti nel permettere al governo etiope di sbaragliare il Tigray People’s Liberation Front (TPLF), “vicino” agli Stati Uniti, nel Corno d’Africa, porta d’accesso al Mar Rosso.

Se il Tplf avesse preso Addis Abeba e il potere politico, molto probabilmente sarebbe stato più vicino agli interessi degli Stati Uniti, facendo da contrappeso all’influenza della Cina nella vicina Eritrea.

In terzo luogo, le vendite di armi della Cina mirano a posizionarla come un partner strategico alternativo agli Stati Uniti, evidenziando le carenze di questi ultimi e aumentando la crescente posizione internazionale del primo, la sua influenza e il suo peso.

Anche se gli Stati Uniti hanno garantito la sicurezza dell’Arabia Saudita, il ritiro dall’Afghanistan e la loro postura strategica dal Medio Oriente al Pacifico possono aver sollevato dubbi a Riyadh sulla loro volontà di garante della sicurezza nel Golfo Persico. Nel 2021, Cina e Arabia Saudita erano in trattative per trasferire le attrezzature necessarie a quest’ultima per produrre i propri missili balistici.

Tommaso Dal Passo