SUDAFRICA. Difesa e partenariato strategico tra Riyadh e Pretoria

0

Il tema della Difesa è stato al centro dell’agenda del recente viaggio del presidente sudafricano Cyril Ramaphosa in Arabia Saudita, dove è stato accompagnato dal ministro della Difesa Thandi Modise.

Ramaphosa è stato in Arabia Saudita dal 15 al 16 ottobre ed è stato ospitato dal principe ereditario e primo Ministro Mohammed bin Salman bin Abdulaziz al Saud. La Presidenza ha rivelato che sono stati firmati 17 memorandum d’intesa (MoU) tra i due Paesi, che coprono tutti i settori, dall’energia alla difesa, riporta Defence Web.

«L’aver iniziato il 2018 con l’impegno dell’Arabia Saudita a investire 10 miliardi di dollari nell’economia sudafricana, per molti versi è stato piantare il seme e quel seme ha germogliato e finora un miliardo di dollari è stato investito in Sudafrica attraverso la società Acwa Power», ha dichiarato Ramaphosa.

La Presidenza ha aggiunto che un memorandum d’intesa riguarda “la cooperazione nel campo delle industrie e degli appalti militari”.

L’industria della difesa sudafricana, Armscor, ha precisato che il MoU firmato tra il Sudafrica e l’Arabia Saudita «mira a stabilire un quadro di cooperazione tra i due Paesi. Riguarda la cooperazione tra i due Paesi in materia di difesa e lo sviluppo delle rispettive industrie. Quando la cooperazione si svilupperà, i due Paesi faranno annunci specifici».

Durante la sua permanenza in Arabia Saudita, Modise ha incontrato il governatore dell’Autorità generale per le industrie militari, Gami, Ahmed Bin Abdulaziz Al-Ohali. Secondo i media locali, i due hanno discusso di cooperazione e partnership nel campo delle industrie militari e delle «prossime azioni da intraprendere tra il GAMI e la Armaments Corporation of South Africa», l’Armscor appunto.

Armscor prevede un’iniezione di capitale grazie agli accordi conclusi con l’Arabia Saudita e la Turchia.

La cooperazione nel settore della difesa tra il Sudafrica e l’Arabia Saudita non è una novità e nel corso degli anni ci sono stati diversi impegni. Ad esempio, nel marzo 2016, l’allora presidente Jacob Zuma visitò l’Arabia Saudita e visitò le strutture della Military Industries Corporation dopo che Rheinmetall Denel Munition aveva contribuito a creare un impianto di produzione di munizioni. Questo è in grado di produrre mortai da 60, 81 e 120 mm, proiettili d’artiglieria da 105 e 155 mm e bombe d’aereo.

Nel luglio 2018, l’allora ministro della Difesa Nosiviwe Mapisa-Nqakula ha incontrato in Arabia Saudita il consulente del Segretariato Generale del Gabinetto Ahmed bin Aqeel Al-Khatib, che è anche presidente del consiglio di amministrazione delle Saudi Arabian Military Industries, Sami.

Il saudita Gami e altre aziende e istituzioni saudite del settore della difesa collaborano da decenni con aziende e istituti di ricerca sudafricani per lo sviluppo di tecnologie e prodotti, tra cui il veicolo aereo senza pilota Saqr-1, e per la creazione di strutture di ricerca sull’optronica. La divisione Spaceteq della Denel ha fornito satelliti all’Arabia Saudita, come il SaudiSat 3 e 5. L’Arabia Saudita ha anche tentato di acquisire una partecipazione in Denel, ma non si è mai concretizzata.

Le relazioni con l’Arabia Saudita nel settore della difesa non sono state tutte rose e fiori: le aziende sudafricane, tra cui Denel, hanno visto l’Arabia Saudita, e gli Emirati Arabi Uniti, sottrarre ingegneri e altro personale specializzato, mentre il Comitato nazionale per il controllo delle armi convenzionali ha di fatto bloccato per un paio d’anni le vendite di armi agli Emirati Arabi Uniti e all’Arabia Saudita, introducendo rigidi certificati per gli utenti finali che prevedevano ispezioni in loco. L’empasse è stato risolto all’inizio di quest’anno, con danni stimati in 2 miliardi di dollari di vendite di armi al Medio Oriente.

Luigi Medici