STATI UNITI. Penetrato il sistema Microsoft, Washington combatte ora contro hacker russi e cinesi

103

Mentre progetta di iniziare la rappresaglia contro la Russia per l’hacking su larga scala delle agenzie governative e delle aziende americane scoperto alla fine dello scorso anno, l’Amministrazione Biden affronta un nuovo cyberattacco che solleva la questione se dovrà colpire di nuovo un altro grande avversario: la Cina.

Prese insieme, le risposte inizieranno a definire come il presidente Joe Biden intende modellare la risposta della sua nuova amministrazione all’escalation del conflitto informatico e se può trovare un modo per imporre sanzioni più severe agli spioni informatici.

La prima grande mossa è prevista nelle prossime tre settimane con una serie di azioni clandestine attraverso le reti russe che sono destinate ad essere evidenti al presidente Vladimir Putin e ai suoi servizi segreti e militari, ma non al mondo, riporta BdNews24.

I funzionari hanno detto che le azioni sarebbero state combinate con qualche tipo di sanzioni economiche e un ordine esecutivo di Biden per accelerare l’inasprimento delle misure di sicurezza delle reti del governo federale dopo l’hacking russo, che è passato inosservato per mesi fino a quando è stato scoperto da una società privata di cybersecurity.

La questione ha assunto una maggiore urgenza alla Casa Bianca, il Pentagono e le agenzie di intelligence negli ultimi giorni dopo l’esposizione pubblica di una grande violazione nei sistemi di posta elettronica Microsoft utilizzati da piccole imprese, governi locali e, da alcuni appaltatori militari.

Microsoft ha identificato gli intrusi come un gruppo cinese sponsorizzato dallo stato e si è mossa rapidamente per rilasciare una patch per consentire agli utenti del suo software di chiudere la vulnerabilità.

Ma questo ha scatenato una corsa tra i responsabili della patch dei sistemi e una serie di nuovi aggressori, tra cui molti altri gruppi di hacker cinesi, secondo Microsoft, che cercano di sfruttare i buchi nel sistema finché possono.

Il governo degli Stati Uniti non ha reso pubblica alcuna determinazione formale di chi è stato responsabile dell’hacking, ma alla Casa Bianca e nel campus Microsoft a Redmond, Washington, la paura è che lo spionaggio e il furto possano essere un preludio ad attività molto più distruttive, come la modifica dei dati o la loro cancellazione.

La Casa Bianca ha sottolineato la gravità della situazione in una dichiarazione fatta il 7 marzo dal Consiglio di Sicurezza Nazionale: «La Casa Bianca sta intraprendendo un’intera risposta del governo per valutare e affrontare l’impatto dell’intrusione Microsoft».

L’ordine ha lasciato in vigore, tuttavia, un documento ancora segreto firmato dal presidente Donald Trump nell’agosto 2018 che dà al Cyber Command degli Stati Uniti autorità più ampie di quelle che aveva durante l’amministrazione Obama per condurre quotidianamente, brevi schermaglie di guerra nel cyberspazio, spesso senza esplicita autorizzazione presidenziale.

Secondo il nuovo ordine, il Cyber Command dovrà portare operazioni di dimensioni e portata significative alla Casa Bianca e consentire al Consiglio di sicurezza nazionale di rivedere o regolare tali operazioni, secondo i funzionari informati sul memo. L’imminente operazione contro la Russia, e qualsiasi potenziale risposta alla Cina, è probabile che rientri in questa categoria.

I funzionari statunitensi continuano a cercare di capire meglio la portata e il danno fatto dall’attacco cinese, ma ogni giorno dalla sua rivelazione ha suggerito che è più grande, e potenzialmente più dannoso, di quanto si pensasse.

Le stime iniziali erano che circa 30.000 sistemi sono stati colpiti, per lo più quelli gestiti da aziende o agenzie governative che utilizzano software Microsoft e gestiscono i loro sistemi di posta elettronica in-house. Ma l’ampiezza dell’intrusione e le identità delle vittime non sono ancora chiare. E mentre i cinesi hanno distribuito l’attacco ampiamente, potrebbero aver cercato solo di prendere informazioni da un gruppo ristretto di obiettivi in cui hanno il massimo interesse.

Non c’è dubbio che la portata dell’attacco ha portato i funzionari statunitensi a considerare se dovranno rivalersi anche contro la Cina. Questo li metterebbe nella posizione di impegnarsi in un conflitto potenzialmente crescente con due paesi che sono anche i suoi maggiori avversari armati di armi nucleari

Tommaso Dal Passo