No ai Lupi della Notte in Polonia

147

RUSSIA – Mosca 25/04/2015. I biker della Ночные Волки (Lupi della notte), megastruttura nazionalista russa che gestisce dai concerti rock alla catena di negozi per customizzare motociclette, non potranno fare la loro “passeggiata” per le vie di Russia, la Bielorussia, la Polonia, la Slovacchia, la Repubblica ceca, Austria e Germania in occasione delle celebrazioni per la fine della Seconda guerra mondiale.

La Polonia ha negato il visto «per la mancanza delle informazioni richieste sulle attività previste dei biker in Polonia, i loro precisi percorsi di movimento e luoghi delle loro fermate» si legge nel sito web del ministero degli Esteri polacco e come ha detto il ministro degli Esteri polacco Grzegorz Schetyna alla polacca Radio Zet il 24 aprile. «Queste informazioni sono necessarie per garantire la sicurezza dei motociclisti e per far loro svolgere le necessarie attività organizzative», prosegue la nota. L’ambasciata russa a Varsavia ha ricevuto la stessa nota ufficiale da parte del ministero degli Esteri polacco sul divieto di ingresso ai motociclisti russi, ha detto all’agenzia Ria Novosti l’ambasciatore russo in Polonia Sergey Andreev. A cominciare dal 25 aprile, circa sessanta biker avevano in programma di visitare Minsk, Brest, Wroclaw, Brno, Bratislava, Vienna, Monaco e Praga e finire il loro viaggio il 9 maggio a Berlino, con la posa di fiori al monumento per soldati sovietici al Treptower Park. In precedenza le autorità tedesche avevano vietato ai Lupi della notte di fare il loro tour attraverso Berlino: la polizia cittadina ha detto di non aver ricevuto alcuna richiesta dal moto club di attraversa la città in convoglio, aggiungendo che non sarebbe stato consentito in alcun caso. I partecipanti ai nazionalisti biker club “Lupi Notte” russi stanno avendo difficoltà ad ottenere i visti Schengen, mentre le autorità tedesche stanno per cancellare i visti rilasciati in precedenza, il ministro degli Esteri polacco Grzegorz Schetyna detto polacca Radio Zet il Venerdì, secondo un corrispondente Unian in Polonia. I rappresentanti delle autorità polacche hanno descritto come una «provocazione» il viaggio dei biker dalla Russia alla Germania. Secondo i motociclisti, il viaggio aveva lo scopo di onorare il LXX anniversario della fine della Seconda guerra mondiale.