SANZIONI. L’oro russo passa per Dubai Istanbul Pechino e arriva in UE

264

Secondo i dati doganali russi, gli Emirati Arabi Uniti sono diventati un importante centro commerciale per l’oro russo dall’imposizione delle sanzioni occidentali. Dall’inizio del conflitto in Ucraina, molte banche internazionali, fornitori di logistica e raffinerie specializzate in metalli preziosi hanno smesso di lavorare con l’oro russo.

Tuttavia, i produttori russi hanno rapidamente trovato nuovi mercati in paesi che non hanno imposto sanzioni contro Mosca, come Emirati Arabi Uniti, Turchia e Cina. Secondo i dati, gli Emirati Arabi Uniti hanno importato 75,7 tonnellate di oro russo per un valore di 4,3 miliardi di dollari, un aumento significativo rispetto alle 1,3 tonnellate del 2021, riporta Reuters. Gli Emirati Arabi Uniti sono diventati un centro commerciale chiave per l’oro russo, afferma Bloomberg.

Cina e Turchia sono stati i successivi maggiori importatori, ciascuno con circa 20 tonnellate. I documenti mostrano che più di 100 società non russe hanno trasbordato oro russo da quando i mercati occidentali hanno vietato le importazioni da Mosca.

Tuttavia, i registri potrebbero non coprire tutte le esportazioni durante questo periodo e in molti casi mostrano solo i commercianti coinvolti nella transazione e non l’acquirente finale, che può essere una raffineria, un gioielliere o un investitore. C’è il rischio che l’oro russo possa essere fuso e lavorato, per poi rientrare nei mercati statunitensi ed europei, nascondendone l’origine.

A Londra, i registri doganali mostrano che diverse spedizioni russe sono arrivate dopo l’inizio del conflitto in Ucraina, ma prima dell’imposizione delle sanzioni all’importazione. Spedizioni di oro per un valore di 4,5 milioni di dollari sono state inviate alla banca statunitense JPMorgan e 5,9 milioni di dollari alla società di sicurezza svedese Loomis.Temis Luxury Middle East, la divisione con sede a Dubai del fornitore di servizi logistici francese Temis Luxury, è diventata il più grande fornitore di oro russo a gli Emirati Arabi Uniti.

Quasi tutte le spedizioni di oro russo a Hong Kong e nella Cina continentale sono state gestite da Vpower Finance Security Hong Kong Ltd, una società di logistica cinese. Ha partecipato alla fornitura di 20,5 tonnellate di oro per un valore di 1,2 miliardi di dollari tra maggio 2022 e marzo di quest’anno.

Otto società non russe erano coinvolte nell’importazione di oro in Turchia. Almeno due delle società elencate nei documenti doganali sono membri della London Bullion Market Association, Lbma. Vpower Finance Security è un membro a pieno titolo e Transguard è un membro affiliato. La Lbma ha affermato che i membri dell’associazione e i processori accreditati devono rispettare le sue regole, incluso il rispetto delle sanzioni statunitensi, britanniche e dell’Ue contro la Russia.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/