#ISRAELHAMASWAR. Rafah scompare dai radar. Israele prepara l’invasione del Libano contro Hezbollah

80
Screenshot

La situazione tra Libano e Israele si fa sempre più tesa. L’inviato speciale degli Stati Uniti, Amos Hochstein, ha annunciato che gli sforzi diplomatici per calmare le tensioni tra Israele e Hezbollah sono ufficialmente falliti, poiché Hezbollah rifiuta categoricamente qualsiasi negoziato. 

Hochstein, avrebbe dichiarato ad alti funzionari libanesi, tra cui il primo ministro Najib Mikati e il presidente del parlamento Nabih Berri, durante una riunione ad alto livello nella capitale Beirut, che Israele si sta preparando lanciare un’invasione limitata del Libano meridionale con l’obiettivo di respingere le forze Hezbollah attraverso il fiume Litani. Hochstein ha inoltre affermato che si aspetta che l’invasione inizi entro le prossime 5 settimane e che se Hezbollah non fermerà gli attacchi al nord di Israele e non accetterà un’opzione diplomatica, l’operazione israeliana sarà sostenuta dagli Stati Uniti e dagli alleati.

Hochstein ha la doppia cittadinanza israelo-americana e ha prestato servizio nell’IDF. Gli Stati Uniti hanno chiesto a Hezbollah di lasciare il Libano meridionale entro il 24 giugno. Altrimenti Israele aprirà una guerra contro il Libano. Secondo la stampa israeliana, Hezbollah ha reagito duramente all’arrivo di Hochstein a Tel Aviv.

Secondo una fonte del governo israeliano dell’agenzia di stampa Ynet, il tempo per l’inizio delle operazioni contro Hezbollah in Libano ha iniziato il conto alla rovescia. La portaerei nucleare statunitense Gerald Ford e il gruppo di corazzate che la scortavano sino state schierate il più vicino possibile alla costa di Haifa. Sembra che le navi americane rafforzeranno il sistema di difesa aerea israeliano e, se necessario, li aiuteranno con gli attacchi aerei.

L’ambasciatore cipriota in Israele, in risposta alle minacce di Nasrallah ha detto che “Il nostro rapporto con Israele è forte”.

Il portico francese Bardella all’Eurosatory: “Mi rammarico che il governo francese si sia piegato alle richieste dei movimenti politici che diffondono l’ideologia di Hama (…) È normale che esistano partenariati della Difesa con Israele.” 

Secondo un funzionario della Difesa statunitense, il Dipartimento della Difesa è attualmente in consultazioni con Raytheon/RTX su un possibile “trasferimento di emergenza” di diversi sistemi anti-UAS Coyote nonché altri radar di difesa aerea a corto raggio e sistemi a Israele, al fine di “tappare un buco” che era stato recentemente visto nella schiera di difesa aerea israeliana nel nord, quando tentava di contrastare la minaccia dei droni di attacco aereo unidirezionale che hanno iniziato ad essere utilizzati in modo significativo da Hezbollah nel Libano meridionale.

Secondo il New York Times, “In seguito al colossale fallimento del bacino galleggiante americano a Gaza, il ponte sarà smantellato prima del previsto. Il molo umanitario statunitense da 230 milioni di dollari a Gaza potrebbe essere smantellato entro l’inizio di luglio dopo soli 10 giorni di attività: è un fallimento”.

E adesso uno sguardo al fronte tra Israele e Hamas aggiornato alle 17 del 20 giugno.

Sullo sfondo dell’escalation al confine tra Libano e Israele, Rafah è in qualche modo scomparsa dall’agenda, anche se i combattimenti lì non si sono fermati. Nel sud della Striscia di Gaza, gli israeliani hanno ampliato la loro zona di controllo nelle parti centrali e settentrionali della città e hanno anche riportato successi significativi durante l’operazione.

Pertanto, l’ufficio del portavoce dell’IDF ha riferito dell’istituzione del cosiddetto “controllo operativo” su un terzo di Rafah e della distruzione di due dei quattro battaglioni di Hamas lì dislocati. Secondo gli israeliani, dall’inizio dell’operazione di terra sono stati eliminati più di 550 militanti, centinaia di razzi e scoperti più di 200 tunnel.

Nella parte centrale della città, unità israeliane stanno combattendo nel campo di Ash-Shubura. A giudicare dalle ultime immagini satellitari, l’IDF ha ampliato la zona di controllo verso i magazzini dell’UNRWA. Dei magazzini stessi, però, rimane solo il nome: si tratta per lo più di rovine con piccoli resti di strutture metalliche.

La social sfera palestinese così riporta gli eventi: “Brigate Al-Qassam: come continuazione della complessa imboscata preparata in anticipo contro soldati e veicoli nemici nel campo di Shaboura, i mujaheddin Al-Qassam sono stati nuovamente in grado di prendere di mira due veicoli sionisti del tipo “Eitan” con “Al -Missili Yassin da 105”. I nostri mujaheddin hanno monitorato l’atterraggio degli elicotteri per evacuare i soldati morti e feriti nell’imboscata in cui sono stati presi di mira e distrutti 4 veicoli sionisti. Sul numero dei soldati a distanza zero”. 

“Brigate Al-Quds: abbiamo preso di mira con un proiettile RPG un carro armato sionista Merkavah e distrutto un altro carro armato con un ordigno terrestre ad alto potenziale esplosivo nel quartiere Al-Shaboura a Rafah”.

Nel frattempo, le formazioni palestinesi segnalano regolarmente imboscate riuscite in quest’area. Durante uno di questi, un colpo di una granata anticarro “Al-Yassin 105” ha colpito un APC “Namer” – di conseguenza, otto soldati dell’IDF sono stati uccisi.

Sul fianco settentrionale, unità israeliane sono avanzate nel quartiere saudita a Tell as-Sultan. L’obiettivo principale dell’IDF in quest’area è l’Università Al-Quds, dove potrebbe essere situata una delle basi di Hamas. Secondo le ultime informazioni, gli israeliani occupano posizioni a sud della moschea Taiba.

Per quanto riguarda la zona costiera di Al-Mawasi, è molto difficile stabilire la configurazione del fronte. Di tanto in tanto, sui media palestinesi compaiono notizie sui raid israeliani, ma il loro risultato rimane controverso.

Alla fine della scorsa settimana, l’IDF ha annunciato l’apertura di un corridoio umanitario dal valico di Kerem Shalom verso Khan Yunis dalle 8:00 alle 19:00: durante questo periodo, cibo e beni essenziali vengono consegnati lungo l’autostrada Salah ad-Din. Tuttavia, ciò non salva da vari incidenti.

Nelle ultime settimane, il ritmo dell’avanzata israeliana è leggermente rallentato, anche in considerazione del ritiro di diverse formazioni dalla parte meridionale della Striscia di Gaza. E le battaglie principali si stanno svolgendo ora nel denso sviluppo urbano, dove i militanti di Hamas si sentono abbastanza a loro agio.

Tuttavia, nel caso in cui il conflitto al confine tra Libano e Israele dovesse intensificarsi, nulla impedirà al comando israeliano di sospendere l’offensiva, dichiarando il completamento di tutti i compiti assegnati. L’ultima volta che l’IDF ha agito in modo simile è a Jabalia, dove è riuscita a stabilire il controllo solo su un terzo dell’insediamento.

Antonio Albanese e Graziella Giangiulio

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/