ISRAELE. Meglio la guerra che un cattivo accordo con l’Iran

329

Il ministro israeliano dell’Intelligence ha lanciato un avvertimento contro quello che considererebbe un cattivo nuovo accordo nucleare tra l’Iran e le potenze mondiali, dicendo che sarebbe sicuramente seguita la guerra con Teheran.

Anche se il presidente Joe Biden esplora un possibile ritorno degli Stati Uniti all’accordo del 2015 per contenere il programma nucleare iraniano, che il suo predecessore Donald Trump ha abbandonato, Israele ha intensificato le richieste di imporre limiti più ampi alle tecnologie e ai progetti iraniani sensibili, riporta Arab News.

L’Iran, che questa settimana ha ripreso i colloqui indiretti con gli inviati statunitensi a Vienna per invertire le sue violazioni ritorsive dell’accordo in cambio della rimozione delle sanzioni reimposte da Trump, ha escluso qualsiasi ulteriore limitazione delle azioni iraniane.

Ribadendo la posizione di Israele che non si considera vincolato dalla diplomazia, il ministro dell’Intelligence Eli Cohen ha detto: «Un cattivo accordo getterà la regione verso la guerra (…) Chiunque cerchi benefici a breve termine dovrebbe essere consapevole del lungo termine (…) Israele non permetterà all’Iran di ottenere armi nucleari. L’Iran non ha immunità da nessuna parte. I nostri aerei possono giungere ovunque in Medio Oriente – e certamente in Iran», ha detto Cohen ripreso da Reuters.

L’Iran dice che le sue ambizioni nucleari sono pacifiche.

Cohen ha detto che oltre a negare all’Iran i mezzi per arricchire l’uranio e sviluppare missili balistici, le potenze mondiali dovrebbero farlo smettere di “destabilizzare altri paesi” e finanziare i militanti.

I colloqui di Vienna sono stati oscurati da quelli che sembravano essere attacchi di sabotaggio reciproci contro navi israeliane e iraniane, così come un’esplosione all’impianto iraniano di arricchimento di Natanz di cui Teheran ha accusato Israele.

Cohen, in linea con la politica israeliana, ha rifiutato ogni commento in tal senso.

Israele ha inviato alti delegati a Washington questa settimana per discutere dell’Iran con le controparti statunitensi. La Casa Bianca ha detto che gli alleati erano d’accordo sulla “significativa minaccia” posta dal comportamento regionale dell’Iran.

L’ambasciatore israeliano negli Stati Uniti, Gilad Erdan, ha detto che l’amministrazione Biden si sarebbe consultata con Israele su qualsiasi nuovo accordo nucleare – le cui prospettive ha giudicato nebulose.

«Valutiamo, con nostro rammarico, che gli iraniani rifiuteranno una tale discussioneı, ha detto alla radio pubblica israeliana Kan, alludendo all’insistenza dell’Iran sul ripristino dell’accordo originale, che Trump ha definito troppo limitato nella portata e nella durata.

«Ma se emerge che ci siamo sbagliati, e gli americani riescono a garantire una discussione su un accordo diverso e migliore, saremo certamente parte di questa discussione. Lo abbiamo detto chiaramente e l’Amministrazione Biden lo ha accolto con favore, naturalmente».

Tommaso Dal Passo