ANGOLA. Al via i lavori per il nuovo oleodotto con lo Zambia

112

Un memorandum d’intesa per la fattibilità degli studi e la possibile costruzione di un oleodotto tra la città portuale di Lobito (Angola) e Lusaka (Zambia) sarà firmato questa settimana, a Luanda.

Il memorandum, riporta AngolaPress, è firmato dal ministro angolano delle Risorse minerarie, del petrolio e del gas, Diamantino de Azevedo, e il titolare del portafoglio dell’energia dello Zambia, Mathew Nkuwa.

Negli ultimi tre anni lo Zambia ha mostrato interesse per la costruzione di un oleodotto che attraversasse il territorio angolano da ovest, dalla provincia di Benguela, fino al vicino Zambia, per ricevere prodotti petroliferi.

La questione era stata discussa già alla metà di aprile tra il ministro de Azevedo, e l’ambasciatore dello Zambia in Angola, Lawrence Chalungumana.

Secondo una nota del ministero delle Risorse Minerarie, del Petrolio e del Gas, pubblicata dopo l’incontro e apparsa su Verangola, «la vicina Repubblica dello Zambia ha espresso interesse per la costruzione di un oleodotto multiprodotto tre anni fa, dal comune di Lobito, provincia di Benguela, per rifornire il suo paese e la regione in diesel, benzina e gas».

Il diplomatico zambiano aveva detto alla fine della riunione, che i due ministri avrebbero firmato, a Luanda, il memorandum per la costruzione dell’oleodotto.

Il gasdotto è stato proposto per la prima volta nel 2012, e nel 2018 è stato firmato un memorandum d’intesa per costruirlo dai governi di Angola e Zambia. Ibn quell’occasione il Ministro de Azevedo disse: «L’installazione del nuovo sistema di consegna è vitale per soddisfare la domanda attuale in Zambia e nella sotto-regione e anche per preparare il consumo a lungo termine. Lo Zambia ha attualmente un oleodotto che trasporta i suoi prodotti petroliferi dal porto di Dar el salaam in Tanzania alla raffineria Indeni a Ndola».

Nell’ottobre 2019 Laurence Chalungumana, poi, ambasciatore dello Zambia in Angola, aveva annunciato che 5 miliardi di dollari di finanziamento erano stati assicurati e che la costruzione era destinata ad iniziare; restava da chiarire da dove arrivassero i 5 miliardi di dollari di finanziamento. La lunghezza dell’oleodotto dovrebbe essere di 1400 chilometri e dovrebbe essere operativo nel 2022.

Lucia Giannini