INDOPACIFICO. Manila sempre più al centro della tenaglia USA Cina

39

La situazione nelle Filippine è unica. La nazione del Sud-Est asiatico non è solo un alleato a pieno titolo degli Stati Uniti nel trattato di difesa, ma stanno anche contribuendo sempre più a una strategia emergente di “deterrenza integrata” contro la Cina.

In particolare, Manila sta espandendo la propria presenza militare nelle isole più settentrionali, situate vicino alle coste meridionali di Taiwan, riporta AT.

Fondamentalmente, Manila e Washington stanno anche esplorando una presenza congiunta nell’area nell’ambito dell’ampliamento dell’accordo di cooperazione rafforzata per la difesa, Edca, uno sviluppo che costituirebbe una potenziale “linea rossa” per la Cina.

Pur continuando a coprire le sue grandi scommesse di potere, il presidente filippino Ferdinand Marcos Jr ha ammesso che è “molto difficile immaginare” che il suo paese rimanga totalmente “neutrale” tra i continui timori di un’invasione cinese di Taiwan.

La decisione di Marcos Jr di rafforzare la cooperazione bilaterale in materia di difesa con gli Stati Uniti, appena un mese dopo una visita di Stato a Pechino, è stata doppiamente sorprendente.

Tanto per cominciare, ciò andava contro la sua spinta iniziale per una “nuova era d’oro” delle relazioni bilaterali con la Cina e la sua enfasi di lunga data sulla diplomazia e sulle relazioni equilibrate con le superpotenze.

Ma ancora più sorprendente è stata la sua decisione di espandere i parametri dell’EDCA con un orientamento settentrionale verso Taiwan piuttosto che uno occidentale verso il Mar Cinese Meridionale, dove Manila e Pechino sono ai ferri corti su territori e caratteristiche contese.

La maggior parte delle nuove basi nell’ambito dell’EDCA ampliato si trovano nelle province più settentrionali delle Filippine, vale a dire Cagayan e Isabela, che sono notevolmente distanti dal teatro del Mar Cinese Meridionale.

Fondamentalmente, i due alleati hanno anche ampliato le esercitazioni congiunte con una crescente attenzione alle coste settentrionali delle Filippine.

Gli Stati Uniti stanno anche valutando lo sviluppo di una struttura portuale nella provincia più settentrionale di Batanes, nelle Filippine, che comprende Mavulis.

Le autorità filippine sostengono che qualsiasi cooperazione con il Pentagono è principalmente orientata a scopi economici e civili. Il porto di Batanes, ad esempio, dovrebbe migliorare la connettività tra la provincia relativamente isolata – circondata da mare agitato e regolarmente colpita dai monsoni – e il resto delle Filippine.

Per quanto riguarda le strutture in altre province settentrionali delle Filippine, le autorità insistono sul fatto che qualsiasi sostegno o presenza a rotazione degli Stati Uniti sarà principalmente destinato alle operazioni di assistenza umanitaria e soccorso in caso di catastrofe. Sistemi che sono ovviamente dual use: «Pechino vedrà qualsiasi mossa degli Stati Uniti per costruire porti e strutture… sia apertamente militari che apparentemente civili» nell’Indo-Pacifico come un atto ostile, in quanto possono anche «essere utilizzati per sostenere qualsiasi potenziale intervento degli Stati Uniti sull’uso della forza cinese contro Taiwan in quanto ostile».

In particolare, la Cina teme che gli Stati Uniti stiano cercando di costruire una “catena di isole” di strutture a duplice scopo intorno a Taiwan per rispondere in modo più efficace a qualsiasi potenziale contingenza sull’isola che Pechino vuole riunificare alla terraferma. Per ora, l’amministrazione Marcos Jr ha inviato segnali contrastanti sulla sua posizione sulla questione di Taiwan. Durante il suo viaggio a Washington lo scorso anno, il presidente filippino ha espresso dubbi sul potenziale contributo del suo Paese ad una strategia di “deterrenza integrata” su Taiwan.

Tuttavia, la traiettoria della cooperazione di difesa filippino-americana negli ultimi mesi suggerisce che la nazione del sud-est asiatico si sta gradualmente preparando per un D-Day, sia nelle acque occidentali che in quelle settentrionali.

Gli strateghi filippini ritengono che la Cina stia trattando sempre più il Canale di Bashi, il Mar Cinese Meridionale e lo Stretto di Taiwan come parte di un teatro integrato. Ciò, dicono, sta determinando la necessità di contromisure altrettanto globali, mentre la nazione cambia la sua posizione strategica e il calcolo generale della difesa nei confronti della Cina.

Lo scorso novembre, gli Stati Uniti e le Filippine hanno condotto pattugliamenti congiunti nell’area e quest’anno organizzeranno esercitazioni congiunte ancora più grandi vicino a Batanes. La Cina ha messo in guardia le Filippine dal “alimentare il fuoco” espandendo la propria presenza militare e attività congiunte con gli Stati Uniti nell’area, scatenando le minacce di Pechino. 

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/