INDIA. Nuova Delhi ha bisogno di un nuovo carro armato: Mosca propone il T14

519

La Russia sta proponendo all’India il suo carro armato principale (Main Battle Tank – Mbt) T-14 Armata per assicurarsi un posto nel programma di carri armati di nuova generazione di Nuova Delhi.

«La Russia è pronta a condividere le tecnologie dell’Mbt T-14 con il progetto Mbt di nuova generazione dell’India», ha dichiarato Vladimir Drozhzhov, vicedirettore del Servizio federale per la cooperazione tecnico-militare, in occasione della fiera Aero India 2023, secondo Ria Novosti: «La parte russa intende partecipare allo sviluppo congiunto del carro armato principale indiano utilizzando le moderne tecnologie russe nel campo della costruzione di carri armati», ha poi dichiarato Drozhzhov.

Drozhzhov ha anche detto che l’India ha in programma di indire una gara d’appalto internazionale per il suo progetto di Mbt di prossima generazione, le cui caratteristiche tattiche e tecniche saranno determinate nella gara.

L’offerta è probabilmente in linea con gli sforzi della Russia per mantenere attiva la sua industria della difesa, orientata all’esportazione, oggi quasi interamente riconvertita in economia di guerra. Sempre con Nuova Delhi, Mosca starebbe facendo lo stesso con il suo programma di caccia leggeri stealth Su-75 di quinta generazione, riporta AT.

Tuttavia, non è chiaro se la Russia riuscirà a convincere l’India a partecipare al programma, a causa delle preoccupazioni dell’India sulla capacità della Russia di fornire componenti aerospaziali coerenti e sui problemi di pagamento dovuti alle sanzioni occidentali.

Nuova Delhi potrebbe anche rifiutare a causa del crescente uso di tecnologia militare interna, della diversificazione dei fornitori di armi a livello mondiale e del programma di caccia di quinta generazione.

Mentre la Russia potrebbe avere scarse possibilità di convincere l’India a salire a bordo del suo programma di caccia leggeri Su-75, potrebbe avere più fortuna nel convincerla a collaborare al suo progetto di Mbt T-14. La Russia cerca senza dubbio un posto nel programma di carri armati di nuova generazione Future Ready Combat Vehicle (Frcv) dell’India, che mira a sostituire i T-72, e i derivati aggiornati del T-90, prodotti su licenza in India e spina dorsale delle sue forze corazzate, e a trovare alternative al suo travagliato carro armato indigeno Arjun. Il programma mira a introdurre 1.700 unità entro il 2030, secondo The Hindu.

Il T-14 russo potrebbe fare al caso dell’India: pesa 55 tonnellate, è il primo carro armato russo con una torretta senza pilota. L’equipaggio, composto da tre persone, è alloggiato in una capsula blindata all’interno dello scafo, che ne aumenta notevolmente la sopravvivenza isolandolo dal carburante e dalle munizioni del carro.

Il carro è armato con un cannone principale a canna liscia da 125 mm a carica automatica, una mitragliatrice coassiale da 12,7 mm e una mitragliatrice da 7,62 mm montata su una stazione d’arma a controllo remoto. È inoltre dotato di uno schema di protezione a tre livelli con vernice che assorbe i radar e copertura opzionale Nakidka per l’attenuazione degli infrarossi, Afganit Aps con sistemi hard e soft-kill e corazza reattiva esplosiva Malakhit.

Per la consapevolezza della situazione, il T-14 è dotato di un mirino a 360 gradi per il comandante, di visori termici e notturni per il mirino del comandante e del mitragliere, di una telecamera Forward-looking infrared per il conducente e di diverse telecamere sullo scafo per una copertura visiva a 360 gradi. Inoltre, il T-14 ha un motore diesel da 1.500 cavalli, è in grado di effettuare operazioni network-centriche ed è progettato per operare come parte di un modulo autonomo composto da veicoli da combattimento e di supporto.

Il loro utilizzo nel teatro ucraino non sarebbe stato ampio a causa di problemi tecnici al motore.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/